“Più di due anni di restrizioni alla possibilità di viaggiare e il prolungato lockdown di Shanghai stanno spingendo alcuni cittadini cinesi a prendere in considerazione l’idea di emigrare, una prospettiva un tempo impensabile”, scrive il Wall Street Journal. La possibilità di emigrare è riservata di fatto ai ricchi, che possono pagare le agenzie specializzate nei visti d’espatrio. Non ci sono dati ufficiali, ma “sulle app di messaggistica WeChat e Telegram sono aumentati i gruppi che parlano di emigrazione. Secondo Ying Cao, un avvocato che vive a New York, negli ultimi due mesi le richieste d’espatrio di cinesi ricchi sono cresciute di dieci volte”.

Questo articolo è uscito sul numero 1462 di Internazionale, a pagina 114. Compra questo numero | Abbonati