Urmia, 6 luglio 2021 (F. Bahrami, Anadolu Agency/Getty)

La polizia iraniana ha arrestato diverse persone che il 17 luglio stavano protestando contro il prosciugamento del lago Urmia ( nella foto ), un tempo il più grande lago salato del Medio Oriente. Situato nelle montagne del nordovest, il lago cominciò a ridursi nel 1995 a causa di una combinazione di siccità prolungata, costruzione di dighe ed estrazione dell’acqua per l’agricoltura, spiega Radio Farda. Il 19 luglio l’autorità giudiziaria ha annunciato che il regista dissidente Jafar Panahi dovrà scontare sei anni di prigione in base a una condanna del 2010.

Questo articolo è uscito sul numero 1470 di Internazionale, a pagina 30. Compra questo numero | Abbonati