Dopo una ripresa frenetica delle attività diplomatiche, scrive Al Jazeera, il Fronte popolare di liberazione del Tigrai ha detto l’11 settembre di voler partecipare ai colloqui di pace con il governo etiope promossi dall’Unione africana. Il 13 settembre un raid governativo su Mekelle, capoluogo del Tigrai, ha colpito il campus dell’università.

Questo articolo è uscito sul numero 1478 di Internazionale, a pagina 39. Compra questo numero | Abbonati