Le fabbriche europee di alluminio cominciano a fermarsi perché crescono le importazioni dalla Russia e dalla Cina, più convenienti a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia nel vecchio continente. Ma i produttori francesi puntano il dito su un problema più vicino a casa loro, scrive Euractiv. Le aziende spagnole dell’alluminio hanno costi dell’energia inferiori grazie al tetto al prezzo del gas introdotto dal governo di Madrid. Secondo i francesi, questa è una forma di concorrenza sleale, a cui si può porre rimedio introducendo delle misure anti-dumping contro la Spagna. Le aziende del settore sostengono che in questo momento molti loro clienti comprano l’alluminio direttamente in Spagna.

Questo articolo è uscito sul numero 1481 di Internazionale, a pagina 108. Compra questo numero | Abbonati