Foto di W.K. Yousufzai, Ap/Lapresse

Il 24 novembre il generale Asim Munir ( nella foto ) è diventato il comandante in capo delle forze armate del Pakistan. La sua nomina divide ancora di più il primo ministro Shahbaz Sharif e Imran Khan, ex premier bandito dai pubblici uffici e oggi leader dell’opposizione, che nel 2019 aveva rimosso il generale dalla guida dei servizi di sicurezza (Isi). “Munir può essere considerato l’uomo più potente del quinto paese più popoloso al mondo”, spiega Nikkei Asia. “L’esercito svolge un ruolo di primo piano nella sfera politica, militare, economica e sociale del Pakistan, influenzando anche quella culturale. È la sesta forza armata a livello mondiale e l’unica di un paese islamico dotato di ordigni nuclea ri”.

Questo articolo è uscito sul numero 1490 di Internazionale, a pagina 20. Compra questo numero | Abbonati