Stiamo per avere un secondo figlio, per non far crescere da sola la nostra bimba di tre anni. Mia moglie pensa che sarebbe più bello per lei avere una sorellina, io invece credo che un fratello sarebbe più stimolante. Tu che ne pensi?–Giorgi0

Mi fate una domanda a cui gli esperti cercano di rispondere da decenni: in che modo cambia il nostro carattere se abbiamo una sorella oppure un fratello? Fino a poco tempo fa non c’era accordo: secondo alcuni studi avere figli di sesso opposto rendeva entrambi più conformi al proprio genere cioè con caratteristiche più simili allo stereotipo maschile o femminile.

Ma la scorsa estate la prima ricerca compiuta su un campione molto esteso (85mila bambini e bambine) ha dato una risposta più definitiva: dopo aver combinato dodici studi fatti in nove paesi, un gruppo di ricerca dell’università di Wellington, in Nuova Zelanda, ha dimostrato che avere una sorella invece di un fratello non ha alcun effetto sui principali tratti della propria personalità e neanche sullo sviluppo di caratteristiche di genere. In pratica, per il carattere di vostra figlia non farà alcuna differenza avere un fratellino o una sorellina.

Chissà, magari l’effetto si potrebbe far sentire su altri aspetti che non riguardano la personalità; e su questo esistono studi di ogni tipo, come ricerche secondo cui le donne che hanno un fratello minore guadagnano meno delle altre e quelle che hanno una sorella maggiore si sposano prima. Ma in realtà è un territorio così pieno di variabili, che non è neanche il caso di porsi il problema.

Questo articolo è uscito sul numero 1485 di Internazionale, a pagina 14. Compra questo numero | Abbonati