14 aprile 2015 08:24

Il consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite voterà oggi 14 aprile una risoluzione sulla crisi nello Yemen che imporrà un embargo sulle armi ai ribelli sciiti houthi e ai loro alleati che combattono contro le truppe governative sostenute dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita. La risoluzione chiederà inoltre ai ribelli di ritirarsi dalla capitale Sanaa e dal territorio conquistato nell’avanzata degli ultimi mesi e imporrà sanzioni ai leader del gruppo. In particolare si chiederà il congelamento dei beni e il divieto di viaggio per il capo dei ribelli, Abdul Malik al Houthi, e per il suo alleato Ahmed Saleh, il figlio dell’ex presidente yemenita Ali Abdullah Saleh.

Si tratterebbe della prima misura formale adottata dal Consiglio di sicurezza da quando l’Arabia Saudita e i paesi del Golfo hanno lanciato l’operazione militare contro gli houthi il 26 marzo. Ma la Russia, che aveva chiesto che le sanzioni riguardassero tutte le fazioni, potrebbe imporre il veto.