Il governo riferisce in parlamento sulla morte del cooperante italiano Giovanni Lo Porto

Il medico statunitense Warren Weinstein e il cooperante italiano Giovanni Lo Porto sono morti a gennaio in un’operazione condotta dagli Stati Uniti contro Al Qaeda al confine tra il Pakistan e l’Afghanistan

Le morti collaterali della guerra con i droni

25 aprile 2015 13:49

La morte di due ostaggi, un americano e un italiano, avvenuta durante un’operazione militare condotta con i droni dagli Stati Uniti in Pakistan, ha riaperto le polemiche contro il programma di omicidi mirati condotto da Washington dal 2004. Le operazioni contro i presunti leader di Al Qaeda o i gruppi terroristci in Pakistan, Afghanistan, Yemen e Somalia sono coordinate dai vertici dell’intelligence e non devono essere autorizzate né dal presidente né dal congresso.

Da tempo gli attivisti per i diritti umani e alcuni rappresentati del congresso sollevano dubbi sulla legittimità e sull’efficacia dell’uso dei droni nelle operazioni militari.

Anche se dal 2010 gli interventi con i droni sono diminuiti notevolmente, in Pakistan sono stati compiuti quasi 400 attacchi con i droni dal 2004.

A marzo l’organizzazione non governativa American civil liberties ha fatto causa all’amministrazione Obama mettendo in dubbio la legalità delle “uccisioni mirate” che permettono di colpire i presunti terroristi, anche se cittadini americani, senza che siano stati sottoposti a un regolare processo. Un’analisi recente dell’associazione per la difesa dei diritti umani Reprieve ha stimato che i bombardamenti con i droni hanno ucciso 1.147 persone fino a novembre del 2014 per colpire 41 presunti terroristi. Secondo i dati raccolti da The long war journal numerosi civili sono stati uccisi dai bombardamenti con i droni.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La Colombia sceglie una politica coraggiosa con i migranti
Dylan Baddour
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.