Sepp Blatter è stato rieletto presidente della Fifa nonostante lo scandalo sulla corruzione

La conferma del dirigente sportivo svizzero, al suo quinto mandato consecutivo alla guida della federazione calcistica mondiale, è arrivata dopo che l’unico sfidante, il principe giordano Ali bin Al Hussein, ha deciso di ritirare la propria candidatura

Arrestati sei funzionari della Fifa a Zurigo

27 maggio 2015 08:24

La polizia svizzera ha arrestato sei alti funzionari della Fifa, la federazione calcistica internazionale, con l’accusa di corruzione, su richiesta delle autorità statunitensi.

I funzionari si trovavano a Zurigo, in Svizzera, nell’hotel Baur au Lac, per partecipare al congresso annuale dell’organizzazione previsto per il 29 maggio. Durante l’assemblea era prevista l’elezione del presidente e quello uscente, Joseph Blatter, era dato per favorito. Blatter corre per il suo quinto mandato e non è tra gli indagati.

In un comunicato la polizia svizzera ha dichiarato che i sei funzionari sono accusati di aver ricevuto tangenti per milioni di dollari, dagli anni novanta in poi, e che per questo un procuratore di New York ha chiesto l’estradizione negli Stati Uniti. Gli indagati sarebbero una decina.

Le accuse sono di corruzione, riciclaggio di denaro e racket. Sono coinvolti alcuni dei più alti funzionari dell’organizzazione.

Secondo il New York Times tra gli indagati ci sono Jeffrey Webb, uno dei vicepresidenti del comitato esecutivo, Eugenio Figueredo, un altro vicepresidente del comitato esecutivo e presidente della Lega calcio latinoamericana, e Jack Warner, ex membro dell’esecutivo.

Il giornalista del New York Times Michael Schmidt ha twittato dall’hotel di Zurigo dove sono avvenuti gli arresti.

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti