Sepp Blatter è stato rieletto presidente della Fifa nonostante lo scandalo sulla corruzione

La conferma del dirigente sportivo svizzero, al suo quinto mandato consecutivo alla guida della federazione calcistica mondiale, è arrivata dopo che l’unico sfidante, il principe giordano Ali bin Al Hussein, ha deciso di ritirare la propria candidatura

L’ultimo appello di Blatter agli elettori della Fifa

29 maggio 2015 17:46

A Zurigo sono iniziate le votazioni per eleggere il nuovo presidente della Fifa. Sepp Blatter, alla guida della federazione calcistica internazionale dal 1998, è il candidato favorito contro il principe giordano Ali bin Al Hussein, e potrebbe essere eletto per il quinto mandato, nonostante gli scandali sulla corruzione e le tangenti che hanno investito la Fifa negli ultimi giorni.

“Ormai mi conoscete, non ho bisogno di presentazioni” ha detto Blatter poco prima che iniziassero le votazioni. “Sapete con chi avete a che fare, e io so che posso contare su di voi. Sento che il tempo che ho passato alla Fifa è ancora poco. Abbiamo bisogno di un leader forte, di un leader di grande esperienza, e abbiamo bisogno di lavorare con i nostri partner politici. Spero di essere di nuovo con voi tra un’ora o due” ha detto Blatter tra gli applausi dei delegati nazionali.

Il voto è segreto ma molte federazioni calcistiche nazionali hanno già espresso le loro intenzioni. Se uno dei due candidati raggiungerà i due terzi dei voti, che corrispondono a 139 voti su 209, sarà eletto già al primo turno. Se la maggioranza dei due terzi non sarà raggiunta al primo turno il quorum si abbasserà e, per essere eletti, sarà quindi sufficiente la maggioranza semplice di 105 voti.

Ogni confederazione ha a disposizione un pacchetto di voti che corrisponde al numero dei paesi membri: la Confederazione africana (Caf) esprime 54 voti; l’europea Uefa 53, la Confederazione asiatica (Afc) 46, la Confederazione nord e centroamericana (Concacaf) 35, la Confederazione Oceania (Ofc) 11 e la Confederazione sudamerica (Conmebol) 10.

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti