Raddrizzata la nave naufragata nel fiume Yangtze, sale il numero delle vittime

I sommozzatori sono entrati dentro la nave attraverso un’apertura nello scafo, ma non hanno trovato sopravvissuti. Per ora le vittime accertate sono 97 e i superstiti 14. Proseguono le operazioni di soccorso 

Naufragio nel fiume Yangtze, già recuperati diciotto cadaveri

03 giugno 2015 08:34
I soccorsi dopo il naufragio nel fiume Yangtze in Cina.

È salito a 18 morti confermati e 14 sopravvissuti, il bilancio del naufragio di una nave da crociera nel fiume Yangtze, in Cina. La Stella dell’oriente si è rovesciata il 2 giugno a causa delle pessime condizioni meteorologiche con 456 persone a bordo, soprattutto turisti anziani. Le autorità cinesi hanno assicurato che i tentativi di recuperare altre persone vanno avanti, ma per la Cina si prospetta il più grave disastro marittimo in termini di vittime da decenni a questa parte.

Il capitano della nave, che ora è in stato di fermo, ha attribuito il naufragio a un “tornado” che si è abbattuto sulla nave. “Finché c’è anche una minima speranza non molleremo” ha assicurato il ministro dei trasporti Yang Chuantang, pur ammettendo che le squadre di soccorso sono impegnate in una “corsa contro il tempo”. Proseguono senza sosta le operazioni di soccorso e le ricerche dei cadaveri trasportati dalle acque del fiume si estenderanno addirittura fino alla città di Wuhan, nel centro del paese, a circa 220 chilometri dal luogo dov’è avvenuto il naufragio, come hanno annunciato le autorità citate dalla tv di stato Cctv.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni europee
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.