Primo caso di mers in Thailandia

Ha contratto il virus un uomo di 75 anni, che proveniva dal Medio Oriente e ha viaggiato per tutto il paese asiatico con la famiglia. In Corea del sud sono già morte 23 persone

È salito a tredici il numero dei morti per la mers in Corea del Sud

12 giugno 2015 18:46

È salito a 13 il numero dei decessi causati dalla mers in Corea del Sud. Lo hanno riferito le autorità di Seoul, sottolineando comunque una diminuzione del numero di nuovi casi. Nel paese asiatico il virus ha colpito in tutto 126 persone, mentre il numero dei pazienti in quarantena è sceso da 3.800 a 3.600. Il paziente zero è stato identificato in un 68enne reduce da un viaggio in Arabia Saudita, principale focolaio della malattia, ricoverato il 20 maggio scorso.

Dal 2012 a oggi si sono registrati nel mondo 1.076 casi di sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus, o mers, con 426 decessi: il microrganismo è considerato un “cugino” più letale ma meno contagioso del virus responsabile della ars, che nel 2003 provocò oltre 800 morti in tutto il mondo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La Colombia sceglie una politica coraggiosa con i migranti
Dylan Baddour
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.