Mafia capitale, sequestrati beni per 16 milioni di euro a Salvatore Buzzi

Salvatore Buzzi è l’uomo legato al mondo delle cooperative rosse romane arrestato a dicembre e ritenuto dall’accusa uno dei referenti principali di Massimo Carminati, il capo dell’organizzazione criminale al centro dell’inchiesta Mondo di mezzo 

Mafia capitale, sequestrati beni per 16 milioni riconducibili a Salvatore Buzzi

15 giugno 2015 11:05

La guardia di finanza nell’ambito dell’inchiesta Mafia capitale ha sequestrato beni e proprietà riconducibili a Salvatore Buzzi, l’uomo legato al mondo delle cooperative rosse romane arrestato a dicembre e ritenuto dall’accusa uno dei referenti principali del capo dell’organizzazione, Massimo Carminati. I beni sequestrati hanno un valore complessivo di circa 16 milioni di euro.

In particolare è stato sequestrato l’intero patrimonio dell’azienda Sarim Immobiliare. La Sarim è proprietaria di un palazzo in zona Castelverde a Roma, usato dalle cooperative di Salvatore Buzzi come casa di accoglienza per donne, minori, rifugiati e richiedenti asilo.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Amori e acquascooter
Pier Andrea Canei
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.