05 luglio 2015 11:47

In Honduras la vicepresidente del Congresso, Lena Gutiérrez, è stata messa agli arresti domiciliari insieme a suo padre e a due fratelli con l’accusa di corruzione e di frode ai danni dello stato. Gutiérrez, che appartiene al Partito nazionale al governo nel paese, è accusata di frode ai danni dello stato e di produzione di documenti falsi. Infatti Gutiérrez era proprietaria di un’azienda farmaceutica che ha venduto farmaci a prezzi maggiorati al ministero della salute, o anche medicine scadute e adulterate.

Nelle ultime settimane di migliaia di persone sono scese in piazza a Tegucigalpa, la capitale dell’Honduras, per chiedere le dimissioni del governo e del presidente Juan Orlando Hernández accusato di essere coinvolto nel caso di corruzione che sta travolgendo la classe politica del paese.

L’opposizione chiede che sia aperta un’inchiesta indipendente sullo scandalo di corruzione che ha coinvolto alcuni funzionari dell’Istituto per la sicurezza sociale e alcuni politici che avrebbero preso tangenti per 200 milioni di dollari. Il presidente Hernández ha ammesso che una parte della sua campagna elettorale nel 2013 è stata finanziata da aziende e personalità legate allo scandalo, ma ha negato di essere personalmente coinvolto nella vicenda.