05 luglio 2015 19:36

Secondo i primi dati diffusi dal ministero dell’interno, il no è in netto vantaggio al referendum in Grecia. Con circa il 12 per cento dei seggi scrutinati, il no ha raccolto il 60,2 per cento dei voti, mentre il sì è fermo al 39,7 per cento.

La proposta dei creditori quindi, se venissero confermati questi risultati, verrebbe respinta dagli elettori greci.

Internazionale pubblica ogni settimana una pagina di lettere. Ci piacerebbe sapere cosa ne pensi di questo articolo. Scrivici a: posta@internazionale.it