Blitz antiterrorismo a Saint-Denis, nel nord di Parigi

Forze speciali, militari e vigili del fuoco presidiano la zona di Saint Denis dove è in corso l’operazione antiterrorismo a Parigi, il 18 novembre 2015.

Cosa sappiamo finora del blitz antiterrorismo nel nord di Parigi

Forze speciali, militari e vigili del fuoco presidiano la zona di Saint Denis dove è in corso l’operazione antiterrorismo a Parigi, il 18 novembre 2015.
18 novembre 2015 09:54
  • Un’operazione delle forze speciali francesi è in corso dalle 4.20 di stamattina a Saint-Denis, alla periferia nord di Parigi. I reparti scelti hanno fatto incursione in un presunto covo di terroristi – che secondo diverse fonti si trova in rue du Corbillon – dove si pensa fosse nascosto anche Abdelhamid Abaaoud, il belga di origini marocchine indicato come l’ideatore degli attacchi del 13 novembre.
  • L’ufficio del procuratore di Parigi ha riferito che cinque persone sono state arrestate nel raid – tre all’interno dell’appartamento e due “nelle vicinanze” – e una donna è morta dopo essersi fatta esplodere all’interno dell’appartamento.
  • Secondo diverse fonti di stampa, ci sarebbe ancora uomo barricato all’interno del covo. Altre fonti, non ancora confermate ufficialmente, hanno dato notizia di un passante rimasto ucciso al momento del blitz. Cinque poliziotti sono rimasti feriti in modo non grave.
  • Dal luogo dell’assedio si sono sentiti diversi spari ed esplosioni. Il quartiere è stato sigillato ed è presidiato da molte pattuglie di polizia, appoggiate dai rinforzi dell’esercito. I residenti sono stati invitati a rimanere nelle loro case, lontano dalle finestre. I collegamenti con Saint-Denis sono stati interrotti e le scuole resteranno chiuse.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.