18 novembre 2015 13:32
Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Il presidente francese François Hollande è intervenuto a una riunione dei sindaci a Parigi. Hollande ha detto che il blitz di stamattina a Saint-Denis conferma che la Francia è in guerra.

Hollande ha aggiunto che martedì 24 novembre sarà a Washington e mercoledì 25 a Mosca per coordinare un’azione comune contro il gruppo Stato islamico. “Vogliamo creare una vasta coalizione per sconfiggere lo Stato islamico. Dobbiamo mostrare unità all’interno della comunità internazionale, anche se ci sono posizioni diverse”, ha detto Hollande.

“Dal punto di vista della politica interna nella notte della tragedia abbiamo deciso di ripristinare i controlli alle frontiere e di dichiarare lo stato d’emergenza. Oggi il consiglio dei ministri lo ha esteso per tre mesi: questo implicherà alcune restrizioni alle libertà personali, ma questo è il prezzo da pagare per contrastare il terrorismo. Abbiamo bisogno di pazienza e di fermezza per combattere questa guerra che va avanti da anni”, ha detto Hollande.