La strage di Nizza

Il 14 luglio 2016 intorno alle 22.30 un uomo alla guida di un camion ha travolto la folla che festeggiava l’anniversario della presa della Bastiglia sulla promenade des Anglais, a Nizza. I morti sono 84, i feriti più di un centinaio, di cui 48 in pericolo di vita. L’autore della strage è stato ucciso. Si chiamava Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, aveva 31 anni e dai primi accertamenti non sembra fosse legato a gruppi terroristici. Il presidente François Hollande ha chiesto un’estensione di tre mesi dello stato d’emergenza.

L’assassino di Nizza aveva fatto sopralluoghi sulla Promenade des anglais.

18 luglio 2016 09:54

L’assassino di Nizza aveva fatto sopralluoghi sulla Promenade des anglais. I filmati di sorveglianza del 12 e 13 luglio mostrano Mohamed Lahouaiej Bouhlel a bordo del camion che ha usato la sera dopo per travolgere la folla, uccidendo 84 persone. Il gruppo Stato islamico ha rivendicato la strage. Il ministro dell’interno francese, Bernard Cazeneuve, ha detto che Bouhlel si sarebbe “radicalizzato molto velocemente”. La polizia ha fermato altre due persone a lui vicine. In custodia ci sono ora sei persone.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le macerie sotto la crisi
Ida Dominijanni
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.