I colloqui di pace su Cipro sono stati rimandati al 18 gennaio.

13 gennaio 2017 14:35

I colloqui di pace su Cipro sono stati rimandati al 18 gennaio. Agli incontri per favorire la riunificazione dell’isola, durati quattro giorni, hanno partecipato anche i ministri degli esteri britannico, greco e turco, oltre al premier turco Binali Yıldırım. Tra le questioni rimaste in sospeso c’è quella della sicurezza, attualmente garantita sull’isola da Grecia, Turchia e Regno Unito. Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha dichiarato che è fuori discussione un ritiro delle truppe turche senza il ritiro delle forze greche.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Nella terra dei migranti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.