National bird racconta la guerra fatta da lontano

02 maggio 2017 18:00


Il recente impiego di una bomba Moab in Afghanistan potrebbe far dimenticare che gran parte degli interventi militari statunitensi all’estero degli ultimi anni sono stati compiuti tramite droni comandati a distanza.

La regista Sonia Kennebeck, in National bird, racconta un fenomeno invisibile ai mezzi di comunicazione ma non alle comunità che vivono con il minaccioso ronzio degli apparecchi sulle loro teste. Tre ex operatori di droni, che in base alle immagini sui loro schermi decidevano della sorte di esseri umani senza volto all’altro capo del mondo, raccontano le loro procedure, tutt’altro che trasparenti.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La musica di Clap! Clap! per i Sassi di Matera
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.