Il centro di riciclaggio rifiuti Eagle County a Wolcott, Colorado, Stati Uniti, 19 aprile 2018.

Smetteremo di riciclare rifiuti?

Il centro di riciclaggio rifiuti Eagle County a Wolcott, Colorado, Stati Uniti, 19 aprile 2018.
22 marzo 2019 10:03

Dopo decenni di campagne d’informazione, negli Stati Uniti le persone hanno finalmente cominciato a riciclare i rifiuti. Aeroporti, centri commerciali, scuole e uffici hanno bidoni per la plastica, l’alluminio e la carta. In alcune città gli ispettori fanno la multa a chi non ha separato l’immondizia come si deve. Adesso però, molti di quei materiali differenziati con tanta cura finiscono nella spazzatura.

Per decenni gli Stati Uniti hanno spedito in Cina la maggior parte dei materiali da riciclare, tonnellate su tonnellate caricate a bordo di navi e destinate a diventare scarpe, sacchetti o nuovi prodotti di plastica. Ma nel 2018 la Cina ha imposto delle restrizioni sull’importazione di alcuni materiali da riciclo, compreso un certo tipo di carta – riviste, carta da ufficio, posta – e la maggior parte delle plastiche. Le aziende che gestiscono i rifiuti negli Stati Uniti dicono che non c’è più un mercato per questi materiali. Le amministrazioni locali hanno due possibilità: pagare di più per sbarazzarsene o buttare via tutto.

Molte stanno scegliendo la seconda strada: “Facciamo del nostro meglio per essere responsabili dal punto di vista ambientale, ma non possiamo permettercelo economicamente”, racconta Judie Milner, amministratrice della città di Franklin, nel New Hampshire. Dal 2010 la città ha messo a disposizione degli abitanti dei bidoni per la raccolta differenziata e ha incoraggiato i residenti a separare carta, metallo e plastica in contenitori appositi.

Quando il programma è stato lanciato Franklin riusciva a pareggiare le spese vendendo i rifiuti per sei dollari a tonnellata. Ora la ditta di smaltimento chiede all’amministrazione 125 dollari per riciclare una tonnellata di rifiuti e 68 dollari per incenerirla. Un quinto degli abitanti di Franklin vive sotto la soglia di povertà e l’amministrazione locale non vuole chiedergli di pagare di più per riciclare, perciò tutte quelle bottiglie e lattine smaltite con tanta cura finiscono per essere bruciate. Milner detesta l’idea che la sua città liberi tossine nell’ambiente, ma non può farci niente. “Non abbiamo più un mercato per la plastica”, ha detto.

Il nostro approccio è stato simile allo struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia

La stessa cosa sta succedendo in tutto il paese. La città di Broadway, in Virginia, aveva da ventidue anni un programma di riciclo dei rifiuti, ma è stata costretta a sospenderlo dopo che l’azienda di trattamento ha comunicato che i costi sarebbero aumentati del 63 per cento e ha smesso di offrire tra i servizi la raccolta dei materiali differenziati. “Sembra quasi illegale buttare via le bottiglie di plastica”, mi ha detto Kyle O’Brien, che amministra la città.

Senza un mercato per la carta mista, balle di materiali hanno cominciato ad ammucchiarsi nella contea di Blaine, in Idaho. Alla fine la contea ha smesso di conservarle e ha portato le 35 balle che sperava di riciclare in una discarica. La città di Fort Edward, nello stato di New York, ha sospeso il suo programma di riciclo nel luglio 2018 e ha ammesso che da mesi portava i materiali da riciclare in un inceneritore. Determinata a resistere finché il mercato non sarà più favorevole, l’organizzazione non profit Keep northern Illinois beautiful ha raccolto 400mila tonnellate di plastica. Per il momento però le balle si stanno ammucchiando dove si immagazzina la plastica.

Costi ambientali e finanziari
Tutto questo arriva in un momento in cui gli Stati Uniti creano più rifiuti che mai. Nel 2015, l’ultimo anno per il quale sono disponibili dei dati, il paese ha generato 262,4 milioni di tonnellate di rifiuti, il 4,5 per cento in più rispetto al 2010 e il 60 per cento in più rispetto al 1985. Sono quasi due chili e mezzo di rifiuti pro capite al giorno. La città di New York l’anno scorso ha raccolto ogni giorno 934 tonnellate di metallo, plastica e vetro prodotti dagli abitanti, un aumento del 33 per cento rispetto al 2013.

Per molto tempo gli statunitensi hanno avuto pochi incentivi a consumare di meno. I prodotti costano poco, e buttarli via alla fine della loro breve vita è ancora più economico. Tuttavia il costo di tutta questa spazzatura sta aumentando, soprattutto ora che bottiglie e carta che un tempo erano riciclate finiscono tra i rifiuti indifferenziati.

Cataste di rifiuti di plastica a Hillsboro, Oregon, Stati Uniti, 30 ottobre 2017.

Uno dei costi è ambientale: quando i rifiuti organici finiscono in una discarica si decompongono emettendo metano, dannoso per il clima. Le discariche sono la terza fonte di emissioni di metano nel paese. Bruciare la plastica può creare un po’ di energia, ma produce anche emissioni di anidride carbonica. E sebbene molte strutture per l’incenerimento si definiscano impianti che trasformano “i rifiuti in energia”, da alcune ricerche è emerso che per ogni unità di energia prodotta sprigionano nell’aria più sostanze dannose – come il mercurio e il piombo – delle centrali a carbone.

Gli altri costi, come stanno scoprendo le città in quest’ultimo periodo, sono finanziari. Gli Stati Uniti hanno ancora molto spazio nelle discariche, ma sta diventando sempre più costoso spedire i rifiuti a centinaia di chilometri di distanza. Alcune discariche stanno aumentando i costi per gestire i rifiuti in più. Secondo alcune stime, lungo la costa occidentale, nel 2018 le tariffe per lo smaltimento in discarica sono aumentate di otto dollari per tonnellata rispetto al 2017. Alcuni costi ricadono già sui consumatori, ma la maggior parte ancora no.

Gli statunitensi dovranno fare i conti con una nuova realtà: tutti quei tubetti di dentifricio, tutte quelle buste della spesa e bottiglie d’acqua che cinquant’anni fa non esistevano devono andare da qualche parte, e creare questi rifiuti ha un prezzo che finora non abbiamo dovuto pagare. “Il nostro approccio a tutto il sistema è stato quello dello struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia”, ha detto Jeremy O’Brien della Solid waste association of North America. “Siamo noi a produrre tanti rifiuti, e dovremmo essere noi a smaltirli”.

pubblicità

Mano a mano che i mucchi di rifiuti si fanno più alti, le città si arrabattano per capire cosa fare di tutto questo che prima veniva spedito in Cina. Tuttavia sono poche le aziende che vogliono occuparsene nel paese, e per un’unica, fondamentale ragione: nonostante le campagne pubblicitarie, gli statunitensi sono un disastro a riciclare i rifiuti.

Secondo la National waste & recycling association, circa il 25 per cento del materiale che finisce nei bidoni blu è contaminato. Per decenni abbiamo buttato nei bidoni praticamente tutto quello che volevamo, dalle grucce alle scatole della pizza, dalle bottiglie di ketchup ai contenitori dello yogurt, e li abbiamo spediti in Cina, dove operai pagati poco li selezionavano e li ripulivano. Questa possibilità non esiste più. E almeno negli Stati Uniti ha poco senso impiegare la gente per selezionare i nostri rifiuti riciclati così da farli diventare nuove materie prime, perché le plastiche e la carta vergini sono più economiche.

Addirittura a San Francisco, spesso lodata per il suo ambientalismo, le aziende che si occupano della gestione dei rifiuti hanno difficoltà a trattare i materiali da riciclare non contaminati. Ho visitato una struttura all’avanguardia gestita da Recology, l’azienda che si occupa della raccolta differenziata a San Francisco, dove macchine da svariati milioni di dollari separano l’alluminio dalla carta, la plastica dai rifiuti indifferenziati eccetera. Tuttavia, per tutta la durata della visita all’impianto il portavoce di Recology, Robert Reed, ha continuato a indicare i materiali non riciclabili che rallentano le operazioni. Operai con mascherine e caschi afferravano cesti della biancheria da un veloce nastro trasportatore per il cartone mentre alcuni oggetti non di cartone sfuggivano dalle loro mani inguantate. Recology deve bloccare una macchina due volte al giorno per permettere a un tecnico di estrarre le buste di plastica che bloccano l’ingranaggio.

Ripulire il materiale da riciclare significa impiegare persone per setacciarlo lentamente, il che è molto costoso. Jacob Greenberg, funzionario della contea di Blaine, in Idaho, mi ha detto che il riciclato di carta mista della sua contea è per il 90 per cento pulito. Tuttavia il suo intermediario gli ha detto che la carta mista deve essere pulita al 99 per cento se vuole che qualcuno la compri, e i funzionari non hanno voluto aumentare le multe per ottenere quest’obiettivo. “A un certo punto hai la sensazione di sprecare soldi invece di convincere la gente ad accettare la raccolta differenziata”.

La cosa più giusta da fare sarebbe convincere le persone a comprare meno cose

E poi c’è la sfida di educare le persone su cosa può essere riciclato e cosa no. Gli statunitensi tendono a vedersi meglio di quanto non siano in realtà riguardo la loro propensione al riciclo, e quindi gettano un articolo nel bidone blu perché li fa sentire meno in colpa per averlo consumato e gettato via. Anche a San Francisco, Reed indica di continuo articoli che non possono essere riciclati con facilità, ma che spuntano qua e là all’impianto di Recology: pacchetti di salsa di soia, scatole della pizza, incarti di caramelle e sacchetti dell’aspirapolvere, coperchi dei contenitori per caffè da asporto e contenitori di plastica usa e getta.

Se riuscissimo in un modo o nell’altro a capire come differenziare i rifiuti da riciclare forse potrebbe emergere un mercato negli Stati Uniti per la plastica e la carta. Vendere questi materiali nel paese, però, continuerà a essere più difficile che in posti come la Cina, dove il settore manifatturiero è in espansione e quindi c’è più domanda di materiali.

La possibilità di riciclare varia moltissimo in base alle città. San Francisco è in grado di riciclare il vetro per ricavarne bottiglie in sei settimane, secondo quanto dichiarato da Recology, mentre altre città ritengono il vetro talmente pesante e fragile che è quasi impossibile caricarlo su un camion e spedirlo in un posto dove potrà essere riciclato. Akron, in Ohio, è solo una delle città che hanno smesso di riciclare il vetro da quando sono entrare in vigore le restrizioni della Cina.

Per il momento è spesso ancora meno costoso per le aziende produrre usando materiali nuovi invece che riciclati. Michael Rohrer, direttore di Business for social responsibility, lavora con aziende che cercano di essere più ecologiche. Mi ha detto che la plastica riciclata costa qualche centesimo in più di quella nuova, e quei centesimi si sommano quando un’azienda realizza milioni di articoli. Gli articoli costituiti da diversi tipi di plastica quasi sempre finiscono tra i rifiuti perché chi ricicla non riesce a separare una plastica dall’altra. Spiega Reed che è come cercare di separare lo zucchero dalle uova in una torta dopo averla messa in forno. Poiché però le aziende non devono sobbarcarsi i costi dello smaltimento, non hanno alcun incentivo a realizzare prodotti con materiali più semplici da riciclare.

Il modo migliore per cambiare la situazione sarebbe convincere le persone a comprare meno cose, il che avrebbe anche il vantaggio di ridurre parte dei rifiuti a monte creati nel momento in cui i prodotti vengono realizzati. Questo però è difficile negli Stati Uniti, dove la spesa al consumo è pari al 68 per cento circa del pil. Un’economia forte significa anche che più persone hanno più soldi da spendere, e spesso le cose che comprano (come i telefoni nuovi) e i posti in cui le comprano (come Amazon) sono progettati per vendergli ancora più cose. Secondo le stime del governo, gli americani nel 2017 hanno speso in media il 7 per cento in più per cibo e l’8 per cento in più per prodotti per l’igiene personale rispetto al 2016.

Riduci, riusa, ricicla e rifiuta
Alcuni posti cercano di convincere le persone a comprare meno. San Francisco, per esempio, invita i suoi abitanti a pensare a una quarta “r” oltre al trio “riduci, riusa, ricicla”, ossia “rifiuta”. L’obiettivo è quello di comprare le cose in modo più responsabile ed evitare bottiglie, cannucce di plastica e altri oggetti usa e getta. Ma è difficile in una città così focalizzata sull’acquisto della tecnologia più recente. “Questa è la nostra sfida più grande: come fai a conciliare una cultura come quella di San Francisco con l’entusiasmo di avere meno cose?”, mi ha detto Debbie Raphael, direttrice del dipartimento per l’ambiente di San Francisco. La città ha approvato un’ordinanza che impone che il 10 per cento delle bevande vendute sia disponibile in contenitori riutilizzabili, e sta cercando di rendere “trendy” il riuso con una campagna online e un sito web dedicato. San Francisco e altre città della baia hanno messo al bando le buste di plastica e le cannucce di plastica, ma non è così altrove nel paese, dove alcune leggi impediscono alle città di mettere al bando prodotti specifici.

Perfino a San Francisco, però, i consumatori più attenti generano comunque tantissimi rifiuti. I contenitori di plastica a guscio sono difficili da riciclare perché il materiale è molto fragile, ma è difficile comprare frutti di bosco senza questi contenitori. Se acquistate degli auricolari o un caricabatterie vi ritroverete comunque con un involucro di plastica da buttare via. Amazon ha cercato di ridurre i rifiuti spedendo i prodotti in buste di plastica bianche e blu, ma quando ho visitato l’impianto di Recology le buste erano sparse ovunque per terra perché sono molto difficili da riciclare.

Nella stessa Recology – un’azienda di proprietà dei dipendenti che trae benefici se la gente ricicla bene – erano evidenti le difficoltà di liberarsi del tutto dalla plastica. Reed mi ha sgridato perché ho mangiato il mio yogurt quotidiano da un piccolo contenitore da 150 grammi invece che da una vaschetta grande da 900 grammi, ma ho visto un contenitore da 150 grammi in un cestino per i rifiuti della sala di controllo dell’impianto di Recology. Mentre mi trovavo lì Reed mi ha dato un paio di piccoli tappi per le orecchie arancioni che avrebbero dovuto proteggermi dal rumore dell’impianto. Erano incartati in un tipo di plastica sottile, quasi impossibile da riciclare. Quando ho lasciato l’impianto ho messo tappi e involucro nella mia borsa, senza sapere bene cosa farci. Alla fine li ho buttati nella spazzatura.

(Traduzione di Giusy Muzzopappa)

Questo articolo è uscito su The Atlantic. Leggi la versione originale.
© 2019. Tutti i diritti riservati. Distribuito da Tribune Content Agency.

Su questo argomento Internazionale ha pubblicato:

Milioni di tonnellate di plastica minacciano i nostri mari
Sacchetti, bottiglie, posate, teli lacerati, pezzi di giocattoli, gli infiniti oggetti della vita quotidiana. Oppure imballaggi, pezzi di reti da pesca. Un’enorme massa di rifiuti, soprattutto di plastica, è un pericolo mortale per la vita marina, scrive Marina Forti.

Usciamo dalla plastica
La lotta contro l’inquinamento da materie plastiche è diventata il più grande movimento ambientalista degli ultimi anni. Ma liberarci di una sostanza così importante per l’economia mondiale non sarà facile.
Internazionale 1287, 21 dicembre 2018

Abbonati per ricevere Internazionale
ogni settimana a casa tua.

Abbonati
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Torna a casa, Jimi! e gli altri film del weekend
Piero Zardo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.