La sindrome Asamoah Gyan

16 luglio 2010 13:34

In Sudafrica i Mondiali hanno soprattutto creato un meraviglioso stato d’animo. Il calcio è incredibile. Trentadue paesi hanno fuso i loro colori in quelli della Rainbow nation, e la festa è arrivata. Sui volti dei campioni abbiamo letto tutte le sfumature della gioia e della sofferenza.

Si parlerà ancora a lungo della vuvuzela, del Jabulani e di tutti quei semidei deludenti, incapaci di mandare una sola volta la palla in rete. Grazie a un piccolo pallone, il lato migliore e forse anche il più oscuro della follia umana è confluito per un mese in questo paese un tempo troppo ripiegato su se stesso.

Senza voler fare il guastafeste, è doveroso però parlare anche delle altre novità, molto più inquietanti, che abbiamo sentito alla radio tra le dichiarazioni trionfali di Sepp Blatter e Jacob Zuma. Novità che si riassumono in un’unica, terribile frase: la violenza xenofoba, ricominciata subito dopo il fischio finale.

Spaventati dalle minacce, sono migliaia gli stranieri che fuggono dal Sudafrica. In novantadue hanno scelto di rifugiarsi nei commissariati e da due giorni alcuni di loro cercano riparo nelle chiese. La società civile e le autorità fanno quello che possono e in molti hanno supplicato: “Basta con gli attacchi agli stranieri, spaventeranno i turisti e gli investitori, dopo i nostri magnifici Mondiali!”.

Fallire a così poca distanza dall’obiettivo è altrettanto irritante ma infinitamente più grave del calcio di rigore sbagliato di Asamoah Gyan, a tre secondi da una storica semifinale.

*Traduzione di Olga D’Amato.

Internazionale, numero 855, 16 luglio 2010*

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il cuore dell’Australia e il momento perfetto
Annamaria Testa
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.