Anche l’Associated press ingaggia i robot

02 luglio 2014 17:42

(Erik Dreyer, Getty Images)

L’agenzia di stampa più antica del mondo ha annunciato che affiderà a un software la scrittura di alcuni pezzi, quelli che riguardano i bilanci trimestrali delle aziende e che contengono tra le 150 e le 300 parole.

L’Associated press ha affidato il servizio a un azienda del settore che si chiama Automated Insights. “Questo vorrà dire che invece di produrre i soliti 300 bilanci trimestrali per le aziende, saremo in grado di pubblicarne 4.400”, ha spiegato Lou Ferrara, managing editor dell’Ap.

Secondo l’azienda questo non porterà a un taglio di posti di lavoro, “i nostri giornalisti potranno concentrarsi di più sull’analisi dei numeri, cercando tendenze e storie esclusive”.

I dati saranno forniti dalla Zacks Investment Research. L’automazione della scrittura è già stata sperimentata da altre aziende editoriali come il Los Angeles Times cha ha affidato a un software la scrittura di alcuni articoli che riguardano i terremoti. Il New York Times ha automatizzato la scrittura degli annunci di matrimonio, mentre l’Ap si serve dei servizi di Automated Insights per scrivere alcune notizie brevi che riguardano i risultati sportivi.

Le aziende tecnologiche come Amazon, Netflix, Pandora e Yahoo usano da tempo la scrittura automatica per mandare comunicazioni a milioni di utenti. (ac)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Lavaggio delicato
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.