25 settembre 2012 13:00

A quarant’anni mi sento pronto come un fuco ad avere un figlio, ma mia moglie (33) rimanda da anni perché prima vuole cambiare lavoro e città. Come la convinco che è ora? –Matteo

È molto semplice: dille che la mamma la farai tu. Dille che a quarant’anni non puoi più rimandare. Dille che farai jogging con lei per perdere i chili presi nella gravidanza. Dille che dovrà prendersi solo il congedo obbligatorio e poi sarai tu a lavorare di meno per occuparti del bambino. Dille che lo allatterete con il biberon così ti sveglierai tu nel cuore della notte. E gestirai i rapporti con la pediatra, la baby sitter e la maestra.

Dille che non te la prenderai quando tornerà tardi dall’ufficio o partirà per lavoro lasciandoti da solo, per un’intera notte, con un esserino così fragile e indifeso. Dille che, anche se sarai stanco morto, la sera accetterai di fare l’amore, perfino a costo di fingere un po’. Dille che farai il brodo vegetale, la carne al vapore e le verdure tritate, due volte al giorno per vari mesi.

E che, quando tornerete a casa da una passeggiata, darai da bere prima a tuo figlio e poi berrai tu. Dille che lo porterai al parco, lo accompagnerai alle gite scolastiche e resterai sveglio la sera, con gli occhi sbarrati, ad aspettare che torni dalla festa. E dille che, dal momento in cui verrà al mondo, per te verranno prima i suoi bisogni e poi i tuoi.

In poche parole, caro fuco, dille che l’ape operaia la farai tu.