Le parole giuste

11 giugno 2018 14:28

Ho saputo che nel campo estivo che frequenterà mio figlio di sette anni ci sarà anche un bambino down. Come posso prepararlo a giocare con lui? –Giada

La prima cosa da fare è non definirlo un bambino down. “Papà, che vuol dire handicappato?”, mi ha chiesto mio figlio pochi giorni dopo il nostro trasloco in Italia. “È un modo antiquato e poco rispettoso di dire bambino con disabilità”. “Ma è anche un insulto?”, ha continuato. “Certa gente purtroppo lo usa per insultare gli altri, sì, per dirgli che sono poco intelligenti. Ed è un modo profondamente violento di parlare”. Questo breve scambio di battute è diventato l’occasione per spiegare a mio figlio l’importanza delle parole che scegliamo quando parliamo degli altri.

Gli ho insegnato che dire “un bambino down” non è corretto, perché bisogna dire “un bambino con la sindrome di down”. “Una disabilità non definisce una persona. Non si dice un bambino gamba-rotta, ma un bambino con la gamba rotta, no? E allora non bisogna dire neanche un bambino autistico, ma un bambino con l’autismo”. È una semplice parolina in più, che però fa una grande differenza.

Me ne sono reso conto quando anni fa ho sentito una mamma dire che in classe di sua figlia c’era un down. Non un bambino, quindi, ma un essere di natura diversa, identificato dalla sua malattia. A tuo figlio puoi certamente spiegare cos’è la sindrome di down e puoi fargli notare che i bambini, pur essendo in qualche modo tutti diversi l’uno dall’altro, sono comunque tutti bambini. L’importante è cercare di parlargliene con le parole giuste.

Questa rubrica è uscita l’8 giugno 2018 nel numero 1259 di Internazionale, a pagina 16. Compra questo numero| Abbonati

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti