05 settembre 2014 18:55

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Tv On The Radio, Happy idiot

Dentro la musica dei Tv On The Radio ci sono parecchie cose: l’atmosfera nevrotica della loro città (New York), l’elettronica di Brian Eno, la new wave, il rock, il soul. Il gruppo di Brooklyn, che finora non ha sbagliato un disco, tornerà a novembre con il [nuovo lavoro Seeds][1]. Il primo singolo, Happy idiot, è un ottimo biglietto da visita.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Nick Cave and The Bad Seeds, Give us a kiss

La parola capolavoro va usata con cautela. Ma si può scomodare tranquillamente per [Push the sky away][2], il disco pubblicato da Nick Cave nel 2013. Il primo senza il suo braccio destro Mick Harvey. Quasi privo di chitarre, ma ricco di tutto il resto: atmosfera, testi, melodie vocali bellissime. Give us a kiss, canzone scelta come colonna sonora del documentario [20,000 days on earth][3] e proveniente proprio dalle session di Push the sky away, conserva quell’atmosfera magica.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Aphex Twin, minipops 67 [120.2] [source field mix]

Dopo tredici anni di silenzio Aphex Twin, al secolo Richard David James, sta per tornare. È un gigante della musica elettronica (ma confinarlo in questo genere è riduttivo), quindi le aspettative sono alte. Il nuovo disco, intitolato Syro, uscirà il 22 settembre. Questo è il primo estratto, un bel brano techno influenzato dal soul e dal funky.

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Jack White, The same boy you’ve always known

A giugno Jack White è stato ospite del sito francese La Blogothèque e ha registrato una nuova puntata del Take away show. Questo concerto è stato filmato al castello di Fontainebleau, vicino a Parigi. I brani sono The same boy you’ve always known dei White Stripes e Entitlement, pubblicata sul secondo album solista di Jack White, Lazaretto.

Sinkane, How we be

Il cantante e polistrumentista Ahmed Gallab, in arte Sinkane, è uno spot vivente al cosmopolitismo. È nato Londra, da bambino ha vissuto in Sudan e poi si è trasferito negli Stati Uniti: prima Boston, poi lo Utah, poi l’Ohio. Adesso vive a Brooklyn. La sua musica mescola ritmi africani, melodie alla Sade, new wave, funk e non solo.

Giovanni Ansaldo lavora a Internazionale. Si occupa di tecnologia, musica, social media. Su Twitter: @giovakarma