Talento responsabile

24 luglio 2013 13:00

Paolo Di Stefano, Giallo D’Avola

Sellerio, 331 pagine, 14 euro

“Un Fu Mattia Pascal dei poveracci”, ne dice l’autore. Nel 1954, nella Sicilia di monte sopra Avola, tra contadini e pastori, vivono le famiglie di due fratelli che si odiano. È l’antica storia di Caino e Abele, ma chi è Caino e chi Abele? Uno di essi scompare e lo si dà per ammazzato dall’altro.

Ne consegue un tremendo errore giudiziario, che l’autore ha studiato in tutti i suoi risvolti e, con pazienza e cercando le parole giuste, ricostruendo i fatti e costruendo un romanzo che è tra i migliori che sia possibile leggere oggi nella nostra copiosa superficiale pretestuosa letteratura di successo.

Di romanzo si tratta, infatti, per la ricchezza e precisione della struttura narrativa e della lingua, e per l’accorta oscillazione tra l’inchiesta (la curiosità, una moderata suspense) e dunque quel tanto di verità che è possibile ricavarne, e l’approfondimento, lo scavo in una realtà sfuggente e in personaggi di brutale ma apparente semplicità. E per i segni che rimandano a un contesto, a un’Italia di prima, durante e dopo il boom, con i suoi ritardi e le sue perseveranze, la lunga durata della sua primaria barbarie.

Con questo libro Paolo Di Stefano, autore di buone prove sia narrative sia giornalistiche (

La catastròfa, sul disastro di Marcinelle) si afferma definitivamente come uno dei nostri migliori scrittori, pienamente cosciente delle responsabilità che uno scrittore deve assumersi.

pubblicità

Articolo successivo

Wolfgang Fischer racconta una scena di Styx