Goffredo Fofi

È un giornalista e critico teatrale, cinematografico e letterario. È stato animatore di riviste storiche come Quaderni Piacentini, Ombre rosse, Linea d’ombra, La terra vista dalla Luna, e direttore della rivista culturale Lo Straniero.

Goffredo Fofi
Passato al femminile

Jorge Ibargüengoitia ha imposto un genere insolito: la ricostruzione di fatti reali trattati con saggia distanza, un’indignazione sconfortata ma quasi allegra che manipola linguaggi giudiziari, burocratici, giornalistici. Leggi

Grandi storie al femminile

Tra le grandi narratrici del novecento, Sigrid Undset è stata ingiustamente dimenticata, ed è bello che torni. Leggi

pubblicità
Capire e conoscere

Con Voci di scrittori arabi di oggi e domani due esperte ci aiutano a conoscere una grande tradizione, coronata dal Nobel 1988 all’egiziano Nagib Mahfuz. Anche se pochi ne coltivano la storia e ne garantiscono la diffusione. Leggi

La sorella saggia

Grace Paley ha scritto, con Carver, i più bei racconti dopo Hemingway, reinventando una lingua per raccontare con immediatezza situazioni e personaggi quotidiani, di proletari e borghesi, di intellettuali e immigrati. Leggi

Matti da legare?

I “matti”, i loro curatori e i vicoli di Genova sono i protagonisti di questa narrazione fitta di personaggi e di storie, mescolate con l’accortezza di uno scrittore, Paolo Milone, fin troppo bravo per essere al suo esordio. Leggi

pubblicità
In un mondo precario

Piccolo capolavoro perfettamente odierno, Il silenzio di Don DeLillo è un racconto che resterà, ma solo se ci sarà ancora un futuro. Leggi

Clausura e pestilenze

Andrea Bajani e Siegmund Ginzberg hanno due modi di affrontare un presente apocalittico: la stanza dell’io, la città della peste. Leggi

Una crociera contemporanea

Il mare sottosopra è la storia di un incontro che cambia nell’autrice la percezione del mondo e delle sue responsabilità, e che dovrebbe oggi diventare comune. Leggi

Un gradito ritorno

Grazie a un benemerito piccolo editore, torna Massimo Bontempelli, protagonista della storia delle avanguardie, capofila della nostra “avventura novecentesca”. Leggi

Dalla parte giusta

Malese di origine cinese, Tash Aw crea un personaggio di assassino per caso che si racconta o, meglio, si confessa al telefono-registratore di una ragazza borghese. Due contesti, due vite. Leggi

pubblicità
Amici gatti

V.S. Naipaul osa comparare il dolore per la morte delle persone care a quello provato per la morte di un gatto. Leggi

Ragionare con Camus e Monod

Chi volesse leggere un romanzo di pensiero, genere raro perché si studia poco e sin troppo si finge di pensare, troverebbe in Finitiudine le sollecitazioni più necessarie e attuali Leggi

Il secolo portoghese

Moralista, poeta e narratore, strenuo oppositore di Salazar, Miguel Torga è il massimo scrittore portoghese del novecento. Leggi

Testimoniare, scavare, ricordare

Ritorna un romanzo del 1993, di gestazione complessa e meno noto di quanto meriti. Ed è l’occasione per tornare sulla figura e l’opera di Luce d’Eramo. Leggi

Saga calabrese

Il selvaggio di Santa Venere, di Saverio Strati, è una saga che ripercorre tre generazioni di una famiglia calabrese, confrontate alla durezza dell’esistenza. Un sud di cui il romanzo offre una sintesi storica e antropologica. Leggi

pubblicità
Giocare con due culture

Gli sciapi giurati del Nobel dovrebbero tener d’occhio Kader Abdolah, uno tra gli scrittori più arditi ed eccitanti del nostro tempo di mutazioni e incognite. Leggi

Pezzi di ricambio

Tra iper-realismo e visionarietà, Manodopera parla di “forza-lavoro” di oggi e sorprende per la sua diversità i lettori disabituati a questo tipo di ricerche. Leggi

Cambiati in peggio

Anche quando non si va d’accordo con le sue idee e i suoi tifosi, Gianni Celati è il più probo e generoso degli scrittori italiani di oggi. Leggi

Ritorno sul Nilo

Stanchi di tanti polizieschi anche italiani poco vari e raramente profondi, anzi stupidi o trucidi, si è grati agli Oscar della nuova traduzione di due classici di Agatha Christie. Leggi

Atrocità viste dall’alto

A partire da un fatto di cronaca avvenuto quattro anni fa, Nicola Lagioia scrive un romanzo ponderoso e ambizioso che ha come vera protagonista la città di Roma. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.