Goffredo Fofi

È un giornalista e critico teatrale, cinematografico e letterario. È stato animatore di riviste storiche come Quaderni Piacentini, Ombre rosse, Linea d’ombra, La terra vista dalla Luna, e direttore della rivista culturale Lo Straniero.

Goffredo Fofi
Welcome Venice, commossa elegia per una beltà tradita

Il conflitto tra due fratelli, la smania di denaro, e il tentativo di preservare bellezza e memoria sono gli ingredienti del film di Andrea Segre per raccontare la battaglia per Venezia, finora persa ma forse pronta a riemergere. Leggi

Qui rido io, belle époque napoletana

Mario Martone racconta la storia e l’epoca di Eduardo Scarpetta poggiando su due pilastri della sua vita: il teatro e la famiglia. Leggi

pubblicità
Il buco è un ritorno alle origini del cinema e una sfida al suo futuro

Quello di Michelangelo Frammartino è un “film storico” in quanto evoca l’impresa compiuta da un gruppo di giovani speleologi nel 1960. Ma crea qualcosa di unico, suscitando una forte partecipazione emotiva. Leggi

L’utopia di Ariaferma ribalta i luoghi comuni sul carcere

Il film di Leonardo di Costanzo, fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia, va oltre gli stereotipi su guardie e detenuti e costruisce un affresco della comune natura umana. Leggi

Marx può aspettare, un autore e la sua famiglia

Prima dell’ondata di interessanti film italiani che saranno presentati a Venezia, vale la pena di tornare sul commovente documentario in cui Marco Bellocchio racconta un capitolo doloroso della sua storia familiare. Leggi

pubblicità
Su basi e convinzioni salde

Ubah Cristina Ali Farah ci regala due personaggi femminili tra i più vivi della nostra letteratura recente anche per il loro rapporto con la storia con la s maiuscola. Leggi

Due cinesi a Londra

Nel 1929 Lao She ha scritto un divertente piccolo classico che racconta i pregiudizi (sia inglesi sia cinesi) con cui hanno a che fare i protagonisti, migranti in cerca di fortuna in una Londra ancora imperiale. Leggi

Lampi di spietatezza

I racconti brevi, asciutti, strani di Noëlle Revaz confermano l’originalità e la bravura dell’autrice, e anche una sana cattiveria. Leggi

Di qua e di là del muro

La storia di Wolf Biermann raccontata minuziosamente in una memoria piena di fatti, di personaggi e d’ingiustizie, subite o viste da una parte e dall’altra, e infine di canzoni, coraggiose e bellissime. Leggi

Esigente e intelligente

Gli italiani sembra ignorino tutto di un paese confinante (e bello) come la Slovenia: da lì viene Dušan Šarotar, la cui lettura volutamente rimanda a certi maestri del secondo dopoguerra. Leggi

pubblicità
Profondità del banale

Ecco un Simenon dei più belli. La qualità della scrittura è sempre alta, la concatenazione degli eventi banalmente perfetta, ma a colpire è soprattutto la tensione morale che regge le sue storie. Leggi

Un modello da promuovere

Ricardo Piglia si muove a cavallo tra l’aristocratico Borges e l’altra faccia della letteratura argentina, aggressiva e popolare. Le scuole di scrittura dovrebbero prenderlo a modello. Leggi

Messaggio romantico

Una nuova traduzione de I dolori del giovane Werther è l’occasione per chiedersi se questo capolavoro ha ancora qualcosa da dire alla nostra generazione. Leggi

Dentro e fuori dal mito

Walter Van Tilburg Clark ha dato nuova dignità al genere western, affrontando di petto uno dei ripetuti orrori della società americana: la pratica del linciaggio. Leggi

Vagabondaggi a Istanbul

Si esita a usare la parola capolavoro, ma forse va fatto per questa raccolta di racconti di Sait Faik Abasıyanık, da non perdere. Leggi

pubblicità
Piccolo mondo cinico

Il romanzo di Roberto Alajmo è come un grande noir che dipinge Palermo, il suo intreccio sociale, la sua vita quotidiana e un’inchiesta sbrindellata. Leggi

Que viva España

Per riscoprire Juan Benet vale la pena leggere L’aria di un crimine, che ha la struttura di un giallo ma è un romanzo-inchiesta che mescola con grande sapienza il visibile e il nascosto. Leggi

Sociologia fredda

I romanzi di Massimo Carlotto si distinguono per la fredda capacità di fare sociologia, perché ci fanno entrare nelle pieghe di un mondo e vedere da vicino il suo funzionamento. Leggi

Quando eravamo invasori

Il re ombra è un romanzo forte, originale e appassionante di una scrittrice nata in Etiopia, che evoca la tragedia dell’invasione fascista e la resistenza eroica di un popolo. Leggi

Partita sull’oceano

In Novella degli scacchi siamo su una nave tra Europa e Argentina e un rozzissimo campione di scacchi di origini russe e contadine si confronta con molti avversari e li vince tutti, meno uno. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.