Il congresso dei testimoni di Geova al PalaLottomatica di Roma, luglio 2017.

Crescere nel mondo dei testimoni di Geova

Il congresso dei testimoni di Geova al PalaLottomatica di Roma, luglio 2017.
22 ottobre 2018 10:38

Alla fine del 2017 è stata approvata la legge sul consenso informato e le direttive anticipate di trattamento. Il cosiddetto biotestamento permette di decidere in anticipo a quali esami e a quali trattamenti sanitari sottoporsi nel caso in cui se ne abbia bisogno, ma non si riesca più a esprimere le proprie preferenze. È una buona legge e chi preferisce la libertà al paternalismo non può che apprezzarla.

Le obiezioni filosoficamente più interessanti (anche se spesso usate molto male) sono due. La prima ha a che fare con l’attualità del nostro consenso. Redigo oggi volontà per un domani più o meno lontano. Come essere certi che la mia volontà futura sarà uguale a quella presente? La seconda riguarda l’accertamento della nostra reale volontà, dell’assenza di coercizione. Impossibile esserne certi. I condizionamenti dovuti alla paura, alla suggestione o ai numerosi pregiudizi sono forse ineliminabili.

In entrambi i casi vale la meno peggiore delle soluzioni, che è la legge 219 del 2017. C’è però un “condizionamento” cui difficilmente si pensa, quello a cui sono sottoposti tanti testimoni di Geova.

Ho parlato con una di loro. Francesca (il nome è di fantasia) è nata e cresciuta in un mondo che sembra uscito da un altro millennio o inventato dalla scrittrice Margaret Atwood. Oggi ha un lavoro e riesce a vivere senza farsi condizionare troppo, ma esporsi è sempre rischioso. I suoi genitori sono fedeli servitori di Geova e visto che chi parla, critica o non segue alla lettera i comandamenti viene espulso, la “colpa” ricadrebbe anche su di loro, ovvero perderebbero incarichi e privilegi.

Francesca mi spiega come la legge 219 per i testimoni di Geova rischia di trasformarsi in un ricatto. Contattato il 19 ottobre per un commento, il portavoce nazionale dei testimoni di Geova ha scritto che “vista l’importanza dei quesiti sottoposti” non sarebbe riuscito a rispondere in tempo per la pubblicazione dell’articolo.

Cosa succedeva prima
“Prima”, dice Francesca, “i fedeli avevano il tesserino ‘niente sangue’ nel portafoglio. Ma non aveva alcun valore legale, perché la legge ammetteva solo la volontà espressa da una persona cosciente e se il testimone arrivava in ospedale in stato di incoscienza era facile ignorarlo”.

Magari era il medico a fargli la trasfusione, giustificato dall’emergenza. Oppure – nel caso i pazienti fossero minorenni – la decisione era presa d’accordo con i genitori, che si convincevano, pur di salvare il figlio, e poi se ne assumevano la colpa di fronte agli altri fedeli.

Anche un magistrato poteva decidere quale fosse la terapia migliore per il minore. “Il suo intervento sollevava i testimoni di Geova dalla responsabilità di aver trasgredito un comandamento. Potevano dire di essere stati ‘costretti da un magistrato del mondo’ a fare la trasfusione. Conservavano la fede e la faccia, cioè le relazioni pubbliche”, spiega Francesca.

Non era facile. Quando un testimone di Geova finiva in ospedale, spesso dopo poco arrivavano anche gli anziani di congregazione per consigliare le famiglie. “Gli anziani sono pronti a raggiungere ogni ospedale, magari chiamati dagli stessi parenti della persona ricoverata. Molti pensano che i testimoni di Geova abbiano solo poche chiese, distanti tra loro. La verità è che sono ovunque in Italia, perciò è facile per un anziano raggiungere qualsiasi struttura sanitaria”. In effetti, anche solo la mappa delle adunanze è abbastanza impressionante.

Trasfusioni vietate
“Geova si aspetta che rifiutiamo le trasfusioni di sangue”, dice Francesca. È un comandamento che non si può violare. Le conseguenze di un’eventuale trasgressione e i conflitti che ne possono derivare sono raccontati molto bene nel film appena uscito in sala Il verdetto, tratto dal romanzo La ballata di Adam Henry di Ian McEwan.

Ma perché non ci si può sottoporre alle trasfusioni? Francesca spiega come tutto questo dipenda da un certo fondamentalismo. “I versetti della Bibbia ai quali si fa riferimento riguardano il sangue degli animali. Ovviamente, non si parla di trasfusioni, inimmaginabili quando i libri sono stati scritti. Basterebbe contestualizzare il testo sacro. Ma i testimoni lo interpretano alla lettera, convinti che sia stato ispirato da dio anche per i lettori di oggi. Sono sia fondamentalisti sia disposti a interpretare passaggi fumosi e poco specifici senza tener conto del contesto storico”.

pubblicità

Ecco cosa si legge sul sito ufficiale: “Perché Dio ci comanda di astenerci dal sangue? Esistono valide ragioni mediche per evitare le trasfusioni di sangue. Comunque, la ragione più importante per cui Dio comanda di astenersi dal sangue è che per lui esso rappresenta qualcosa di sacro”.

La lettura della Bibbia che i testimoni di Geova seguono è quella del corpo direttivo, che si trova negli Stati Uniti ed è l’unico organo collegiale che può interpretare il testo sacro, anche se in passato si è contraddetto. Sono i suoi componenti ad aver stabilito il divieto di trasfusione.

Nonostante questo divieto, e nonostante l’intervento degli anziani negli ospedali, i testimoni di Geova ricoverati in stato di incoscienza prima del 2017 potevano ricevere una trasfusione grazie all’intervento del medico o del magistrato. Con l’introduzione delle disposizioni anticipate di trattamento le cose sono cambiate.

Cosa succede oggi
La legge permette di far valere la nostra volontà anche se non siamo più in grado di esprimerla. Il principio è corretto: se siamo noi a decidere è preferibile seguire la nostra volontà di ieri piuttosto che quella di uno sconosciuto (come il medico di un pronto soccorso) o di un parente. Ma è cruciale che sia davvero la nostra.

Che cosa è successo nel mondo dei testimoni di Geova? “È stato consegnato un modulo da compilare. Geova o chi per lui ha lasciato la libertà di decidere sulla rianimazione, ma ha ribadito la clausola ‘no sangue né frazioni’. Il fiduciario, cioè la persona scelta per rappresentare le volontà del paziente di fronte ai medici, non ha alcun potere di cambiare questa disposizione”.

Ora che le direttive anticipate hanno valore legale il medico non può ignorarle. “I testimoni di Geova l’hanno presentata come una loro vittoria”, commenta Francesca. “In molti casi l’adesione alla scelta ‘no sangue’ è il risultato di una pressione sociale e familiare, la volontà di rifiutare le trasfusioni non è che un’imposizione”.

Chi non è nato e cresciuto in quel mondo potrebbe obiettare: “Non compilate il modulo!”. Ma farlo non è così semplice.

La disassociazione
“Se non obbedisci”, dice Francesca, “sono previste delle punizioni. Però le chiamano ‘provvedimenti’”. Sul sito del movimento la pagina dedicata all’espulsione si intitola “La disassociazione: un provvedimento amorevole”.

Ogni società ha il proprio linguaggio e in quello dei testimoni di Geova spesso ci sono Satana e i suoi trucchi per indurre a peccare. Satana è una persona reale che vuole far inciampare i servitori di dio.

Un battesimo durante il congresso dei testimoni di Geova al PalaLottomatica di Roma, luglio 2017.

Il disassociato “non fa più parte della congregazione cristiana (…) il ricordo dei giorni felici in cui aveva una buona relazione con Geova e con il suo popolo potrebbero farlo tornare in sé. (…) Forse era necessario che un giusto gli impartisse correzione. Anche se dolorosa, era per il suo bene (…) Tutti i componenti della congregazione possono mostrare amore basato sul principio evitando di parlare e di avere contatti con il disassociato”.

“La disassociazione non mette in difficoltà solo te, ma anche la tua famiglia e perfino i conoscenti”, spiega Francesca. “Diventa difficile anche invitare altri fedeli a casa. Al disassociato non si può rivolgere la parola, che fai se te lo trovi davanti? È imbarazzante per tutti. È un ricatto tremendo e molto efficace”.

Autarchia
Tutto questo avviene in un mondo chiuso, dove l’autarchia è costruita minuziosamente. “Se uno si converte in età adulta si isola volontariamente, ma se nasci in una famiglia di testimoni di Geova non solo non lo scegli, ma è difficile o impossibile avere relazioni con il mondo esterno. L’indipendenza economica arriva tardi, perciò come fa un diciottenne o un ventenne che non crede e non vuole sottostare a tutte le loro regole assurde?”.

Le cattive compagnie sono i mezzi che usa Satana per corrompere i credenti. Letteralmente: “Gesù non stava parlando con un’ipotetica parte cattiva di sé, ma con una persona vera e propria”.

Lo studio è scoraggiato, l’università sconsigliata. Non sono vietati espressamente, ma ci sono molti modi subdoli per farlo. Ecco i “consigli” di un esponente del corpo direttivo (dal minuto 2.18).


La premessa a tutto è che sul mondo incombe una “imminente cessazione delle attività”. Dunque perché “non smettere e fare qualcosa di meglio? Lo schiavo fedele e discreto è responsabile di mettere in guardia contro i pericoli spirituali”. La scelta è libera, però poi “dovrete rispondere a Geova”.

È una costruzione così fragile che deve essere protetta dall’esterno e dai dubbi. I meccanismi sono simili a quelli di qualsiasi altra setta. “Hai presente il creazionismo statunitense? Sono gruppi chiusi, dove i membri si danno ragione a vicenda. Noi siamo così: devi credere letteralmente nella genesi e negare l’evoluzione. La fede deve attenersi alle interpretazioni che arrivano dall’alto. Quelle del singolo credente non contano niente. O si allinea o è apostata”.

Chi nasce in una comunità tanto claustrofobica deve vedersela con la minaccia dell’isolamento e con lo stigma. “Fai amicizia con gli altri fedeli”, continua Francesca, “ti devi accontentare. Fuori della nostra comunità, se il tuo compagno di banco ti sta antipatico puoi fare amicizia con un altro della tua classe o della scuola, o con chiunque. Ma i testimoni no, devono farsi andare bene gli altri testimoni perché ‘quelli del mondo’ non vanno bene”.

Sai perché andiamo sempre in coppia? Perché ognuno controlla l’altro

Alcuni se ne vanno? “Difficilmente lo fanno volontariamente”, risponde Francesca, “spesso sono stati cacciati. È vietato il sesso prima del matrimonio. Se ti piace qualcuno devi reprimerti e se uscite insieme, non potete farlo da soli. Ti controllano. E non seguendoti da lontano, di nascosto, ma standoti accanto. Sono le stesse persone che sei costretto a invitare perché non puoi rimanere solo con chi ti piace. La delazione è incoraggiata, e c’è sempre il ricatto: se non ti beccano loro, dovrai rispondere direttamente a dio. Spesso fai la spia per i sensi di colpa, perché ti sembra di non essere abbastanza rigoroso e fedele a Geova”.

Se si è stati espulsi, la procedura per rientrare è umiliante e, secondo Francesca, ai limiti dell’incostituzionalità. “Non bisognerebbe creare tribunali alternativi a quelli previsti dalla legge, ma il nostro comitato giudiziario è un tribunale, anche se lo chiamano in un altro modo. È composto da tre anziani di congregazione. Se ti sei comportato in modo sbagliato, ti interrogano. Decidono se ti sei pentito e la punizione da darti. Se invece sei disassociato, dopo un po’ sarà riesaminato il tuo caso. Per essere riassociato devi pentirti o almeno simulare il pentimento davanti al comitato. In ogni caso è imbarazzante. L’eventuale riassociazione è preceduta da un periodo durante il quale frequenti le adunanze di congregazione, dove ci sono sessanta-ottanta persone che però non possono salutarti. Fanno finta che tu non esista. È diverso dal confessionale, l’umiliazione è lo strumento preferito”.

Anche l’orientamento sessuale è motivo di discriminazione: “Molte decisioni somigliano a punizioni. Penso agli omosessuali. Devono decidere se continuare a vivere secondo i precetti della congregazione o essere buttati fuori. Nel primo caso rimangono scapoli, fingono, magari si sposano”.

Lo studio e le distorsioni
Per chi sta fuori è difficile anche immaginare gli effetti di un contesto così rigido. “A vent’anni non ero in grado di ragionare”, dice Francesca. “Ero adulta, ma ero nata e cresciuta sotto una propaganda martellante. I miei primi dubbi riguardavano l’esistenza di dio. Ma hanno previsto anche questo, e ti avvertono: è il tentativo di Satana di sedurti e la tua resistenza è la prova della tua fedeltà. Il materiale di studio e preghiera che ti danno è caratterizzato da distorsioni e ‘opinioni’ riportate in modo scorretto e fuori contesto. Riescono a scrivere cose come ‘un famoso scienziato’ ha detto che l’evoluzione è una cazzata. Chi? Dove?”.

Alcuni esempi fanno anche ridere. L’etologo Richard Dawkins può diventare un creazionista. Basta scegliere quale parte citare e cosa tagliare e perfino Charles Darwin può passare per un sostenitore del disegno intelligente.

Il congresso dei testimoni di Geova al PalaLottomatica di Roma, luglio 2017.

“Sembra ovvio e facile intravedere la fregatura, ma dobbiamo ricordare che l’istruzione è scoraggiata e gli errori logici inculcati fin dall’infanzia. E anche fuori, nel mondo, inciampiamo spesso in ragionamenti circolari e in fallacie, quindi figuriamoci. La Bibbia parla di dio, quindi dio esiste”.

Dio esiste? La risposta della Bibbia, uno degli articoli sul sito dei testimoni, è un capolavoro del ragionamento circolare, dove le premesse dimostrano le conclusioni e viceversa. Il tono è serissimo, la fallacia evidente, chi ne dubita è caduto nelle trappole di Satana.

Particolari agghiaccianti
Spesso conosciamo i testimoni di Geova perché almeno una volta ci hanno citofonato. E la nostra idea è che siano degli scocciatori – in misura proporzionale all’ora in cui citofonano – ma abbastanza bonari. Tuttavia, ci sono anche particolari agghiaccianti.

“Sai perché andiamo sempre in coppia?”, chiede Francesca. “Perché ognuno controlla l’altro. Quello che dice, come risponde”. Tutti controllano tutti, riportano incertezze o risposte sbagliate. “Se un nostro fratello ha idee diverse da quelle del corpo direttivo, dobbiamo incoraggiarlo a parlare con gli anziani. Se lui non lo fa, allora siamo noi a doverci fare avanti”.

“Una volta un signore mi ha detto ‘voi testimoni lasciate morire i bambini!’ e io ho dovuto rispondere ma no, non è vero – anche se pensavo che avesse ragione. Se avessi detto qualcosa di diverso la mia compagna di predicazione avrebbe fatto la spia. È straziante”.

Ma ci credono o no? La risposta di Francesca è articolata:

Entrambe le cose. Alcuni ci credono davvero. Sono persone semplici e indottrinate fin dalla nascita o sedotte da promesse false ma rassicuranti. In genere sono quelli alla base della piramide. Non hanno alcun incarico se non quello di controllare e di denunciare. Passano ore e ore a predicare. Ci credono o sono costretti dalle circostanze, oppressi dai sensi di colpa. I miei genitori, per esempio. Più sali nella gerarchia, più trovi motivazioni economiche, di potere e di megalomania. Abbiamo una rivista in cui vengono pubblicati articoli di medici che dimostrano che le trasfusioni non servono. O che senza sangue l’intervento è meno pericoloso. Alcuni sono anonimi (tanto chi tra i testimoni si porrà il problema della verifica delle fonti?), altri sono decontestualizzati. Un medico potrebbe ragionevolmente affermare che le trasfusioni comportano un rischio di contrarre qualche patologia infettiva. Per i testimoni di Geova diventa una prova della loro interpretazione della Bibbia. Ma magari il medico nell’articolo proseguiva scrivendo che ‘per questo occorre aumentare i controlli sulla qualità del sangue riservato alle trasfusioni’.

Chiedo a Francesca se il paragone con Scientology sia corretto. “Noi non abbiamo Tom Cruise!”, risponde. “Ma qualche personaggio carismatico ce l’abbiamo anche noi. I membri del corpo direttivo si vedono spesso in video trasmessi nelle adunanze, o sulla tv online JW broadcasting. Sono diventate delle vere e proprie star. Nei grandi raduni, anche in Italia, sono accolti con la stessa trepidazione che era riservata ai Beatles. Di fatto sono predicatori, ma hanno assunto anche il ruolo di profeti. Sono furbi e narcisisti”.

Lavoro e beni immobiliari
E poi ci sono quelli che lavorano:

Chi ha studiato vuole farsi perdonare. Per il movimento è un ottimo modo di sfruttare le competenze delle persone: traduttori, gestori di siti internet, grafici, doppiatori. Ultimamente servivano studenti per il gruppo di predicazione in lingua araba. Chi aderiva, avrebbe potuto segnare parte delle ore come ore di predicazione, anche se di fatto non lo erano. È importante perché i testimoni di Geova alla fine di ogni mese devono consegnare agli anziani il rapporto di servizio: un foglio in cui c’è scritto quante ore hanno predicato, quante riviste hanno distribuito, quante visite ulteriori hanno fatto e quanti studi, finalizzati alla conversione e al battesimo. Chi non fa rapporto, o lo fa ma non ha predicato, è segnalato come irregolare, e se continua diventa inattivo, è visto come un elemento debole della congregazione, da incoraggiare, ma anche da non considerare come una compagnia raccomandabile. Un luogo comune è che i testimoni di Geova sono pagati per predicare. Non lo sono, tutto è fatto volontariamente, o per sincero fervore personale o per non essere considerati irregolari.

È interessante anche quello che succede con i beni immobiliari. “C’è un fondo usato per comprare le sale del regno, cioè dove si riuniscono le congregazioni. Quel fondo è fatto di offerte ‘libere’. La retorica usata è quella di dare la possibilità agli altri fratelli, magari nei paesi più poveri, di avere delle belle sale come quelle che abbiamo qui in Italia. Un fedele non dirà mai ‘ho contribuito abbastanza, ora basta’. Qualche volta le sedi sono state vendute senza che nessuno dei donatori fosse coinvolto”.

I beni ovviamente non sono intestati ai contribuenti, la maggior parte delle volte anonimi. “Non solo”, prosegue Francesca, “quando c’è da ristrutturare le sale, facciamo noi il lavoro. Non si è costretti a farlo, ma siamo fortemente incoraggiati. Allo stesso tempo non si può certo far notare che l’immobile aumenta di valore grazie a un lavoro fatto gratuitamente. Nessuno può lamentarsi, nessuno può protestare. Io stessa ho dipinto e collaborato alle ristrutturazioni. Il valore dell’immobile cresce grazie al nostro contributo invisibile. È un sistema perfetto”.

Dedicarsi ai cantieri è un’opera di amore e devozione per Geova.

Un ambiente ostile
In un mondo così rigido e controllato, anche le direttive anticipate di trattamento sanitario diventano il pretesto per un ricatto.

Gli anziani hanno chiesto (ormai sappiamo cosa significa) di compilare il modulo e di consegnarne delle copie ad almeno due persone fidate nella congregazione e preferibilmente a un anziano. “La motivazione è che, nel caso dovessimo arrivare in ospedale in stato di incoscienza, ci sarebbero più persone della congregazione che potrebbero segnalare le nostre volontà. Insomma, se il comune di residenza o il notaio non fossero pronti a segnalarle, permettendoci quindi di ricevere una trasfusione, lo farebbero i nostri fratelli. Rifiutarsi di utilizzare il modulo prestampato dalla Società sarebbe visto con sospetto. Molti per evitare pressioni e ritorsioni seguiranno i consigli”.

pubblicità

Certo, le direttive anticipate si possono cambiare. Ma chi sfiderà il rischio di essere scoperto e punito? “Un paio di mesi prima dell’approvazione della legge ci hanno consegnato un modulo per la riservatezza”, spiega Francesca, “poi ci hanno consigliato come compilare le direttive. Sono dati sensibili? Sì, ma noi ne abbiamo autorizzato l’uso! È difficile spiegare perché lo facciamo a chi non fa parte della comunità. La chiusura rende difficile la ribellione. Quando parlano male di noi sono contenta. Ma in molti ci pensano ingenui e innocui, un po’ strambi certo. Non è così. Se ti abitui a sentirti in colpa, continuerai a farlo a lungo anche se razionalmente hai rigettato la loro idea di peccato. Se sei abituato a pregare, ti verrà automatico farlo anche dopo aver rigettato dio. La preghiera prima del pasto per me è come la salivazione”.

Questa idea di strambi ma ingenui è dovuta, continua Francesca, alla scarsa o cattiva informazione. I fuoriusciti sono molto spesso arrabbiati e rischiano di apparire poco credibili agli occhi di un osservatore esterno. Mentre i testimoni li presentano come vendicatori sedotti da Satana. Naturalmente bugiardi.

“Quando partecipo allo studio della Torre di Guardia, quando leggiamo e commentiamo (cioè, ripetiamo), quando ho la tentazione di avvertire qualche interno della forza ricattatoria degli insegnamenti di Geova, mi devo censurare. Mi sono dovuta adattare per sopravvivere in questo ambiente ostile”.

Da sapere

Secondo i dati forniti dal movimento, ci sono più di otto milioni di testimoni di Geova in 240 paesi. In Italia sono 251mila. Le congregazioni in tutto il mondo sono 120mila. Nelle filiali lavorano quasi 20mila ministri ordinati.

Abbonati per ricevere Internazionale
ogni settimana a casa tua.

Abbonati
pubblicità

Articolo successivo

Natale a Baghdad
Zuhair al Jezairy