Gregg L. Semenza, che insieme a William Kaelin e Peter Ratcliffe, ha ricevuto il premio Nobel per la medicina. Baltimora, Maryland, ottobre 2019. (Theresa Keil, Reuters/Contrasto)

Le notizie di scienza della settimana

Gregg L. Semenza, che insieme a William Kaelin e Peter Ratcliffe, ha ricevuto il premio Nobel per la medicina. Baltimora, Maryland, ottobre 2019. (Theresa Keil, Reuters/Contrasto)
13 ottobre 2019 10:16
  • Sono state scoperte venti nuove lune di Saturno. Il pianeta ne ha quindi 82 e ha sorpassato Giove, che ne 79.
  • I cambiamenti di statura nelle popolazioni vissute in Europa negli ultimi 35mila anni dipendono soprattutto dalla genetica e solo in misura minore dalle condizioni ambientali.
  • In Thailandia è stato scoperto il fossile di un dinosauro carnivoro molto grande, il Siamraptor suwati. È il primo fossile di questo tipo scoperto nell’Asia sudorientale.
  • Lostudio di sepolture dell’età del bronzo in Germania mostrano che la società era caratterizzata da una grande diseguaglianza.
  • Si potrebbe creare un sistema di raffreddamento basato sulla torsione e la distensione di fibre elastiche.
  • Anche gli esseri umani potrebbero rigenerare parzialmente la cartilagine degli arti.
  • I primi ominidi si sono evoluti in Africa in un habitat ormai scomparso, diverso da quelli attuali.
  • Il premio Nobel per la medicina è stato assegnato a William Kaelin, Peter Ratcliffe e Gregg Semenza per aver scoperto i meccanismi di adattamento delle cellule alla scarsità di ossigeno.
  • James Peebles, Michel Mayor e Didier Queloz hanno vinto il Nobel per la fisica. Peebles lo ha vinto per le scoperte di cosmologia che hanno aiutato a capire l’evoluzione dell’universo, Mayor e Queloz per aver individuato un pianeta oltre il nostro sistema solare, 51 Pegasi b. John Goodenough, Stanley Whittingham e Akira Yoshino hanno vinto il Nobel per la chimica per lo sviluppo delle batterie al litio.
  • Si pensa che già 420-200mila anni fa le popolazioni umane arcaiche conservavano le ossa delle carcasse degli animali, per nutrirsi del midollo in un momento successivo.
  • Un’alimentazione ricca di frutta, verdura, pesce e carne magra potrebbe aiutare a combattere i sintomi della depressione.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Quello che resta
Maysa Moroni
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.