Gideon Levy

Gideon Levy è un giornalista israeliano. Scrive per il quotidiano Ha’aretz.

Gideon Levy
Per l’esercito israeliano la penna e la telecamera sono dei nemici

Una proposta di legge vorrebbe impedire di documentare quello che succede in Cisgiordania. Ma noi giornalisti abbiamo il dovere di violare questa legge, come ogni legge liberticida. Non smetteremo di scrivere, con tutta le nostre forze. Leggi

La spada di Israele

Mentre a Gerusalemme veniva aperta la nuova ambasciata statunitense, decine di palestinesi sono stati uccisi al confine con Gaza. È la vittoria di Netanyahu, della destra e dei nazionalisti israeliani. Leggi

pubblicità
L’orgoglio di Israele per gli omicidi mirati

Dopo l’omicidio in Malesia del palestinese Fadi al Batsh nessuno ha accusato Israele di violazione della sovranità nazionale. L’opposto di quanto accaduto con la Russia dopo il tentato omicidio di Sergej Skripal. Leggi

L’aereo abbattuto dai siriani fa vacillare le certezze di Israele

L’arroganza di Israele non è scomparsa il 10 febbraio – quando l’aviazione siriana ha colpito un suo aereo militare – ma di sicuro ha vacillato. Leggi

L’espulsione dei profughi africani è un test per la democrazia israeliana

Se il governo riuscisse a deportare migliaia di profughi, avrà un precedente che permetterà di trovare la scusa per cacciare i palestinesi dai territori. Leggi

pubblicità
La storia di un palestinese ucciso due volte

Abu Thuraya non è stato il primo, e non sarà l’ultimo, disabile palestinese ucciso dai soldati dell’esercito israeliano. Ma non importa a nessuno. Leggi

Le verità su Gaza che Israele non vuole vedere

Quando s’imprigionano due milioni di persone in una gabbia per oltre dieci anni, senza possibilità di uscire e senza speranza, il risultato è l’inferno. Leggi

Israele vuole costruire un nuovo e folle muro

Ma anche questo non risolverà nulla. Per affrontare la minaccia proveniente da Gaza bisogna dare a Gaza la sua libertà. Leggi

Israele dovrebbe ascoltare le parole dei palestinesi

In Cisgiordania e a Gaza la disperazione è profonda. La cosa dovrebbe impedire a ogni israeliano di prendere sonno, perché annuncia disgrazie anche per loro. Leggi

In Israele la vera minaccia non è la religione a scuola

I genitori laici denunciano l’indottrinamento religioso di bambini e ragazzi, che è però meno pericoloso del nazionalismo e del razzismo diffusi nel paese. Leggi

pubblicità
L’attacco silenzioso di Israele a Gaza

I tagli all’elettricità a Gaza decisi da Israele rischiano di innescare un nuovo conflitto. Controllato, misurato, non di massa, ma comunque un massacro. Leggi

Cinquant’anni di bugie sull’occupazione israeliana

Nel 1967, dopo la guerra dei sei giorni, radio Israele usò l’espressione “territori temporaneamente occupati”, la prima di tante bugie. Leggi

I motivi della rabbia palestinese

Dopo la propaganda mediatica, l’istigazione alla violenza, la follia, il lavaggio del cervello e il vittimismo degli scorsi giorni, la domanda più semplice riemerge con tutta la sua forza: chi ha ragione? Nell’arsenale a disposizione d’Israele non rimangono più argomentazioni valide, niente che una persona per bene potrebbe prendere per buono.  Leggi

Gli insegnamenti di una guerra futile

Ora Israele deve aprire Gaza al mondo e avviare un vero dialogo sul futuro dei Territori occupati. Leggi

Si prega di non disturbare

Israele è tornata nella sua bolla di tranquillità: a questo sono servite le vittime di questa guerra. Leggi

pubblicità
Mio dio, l’antisemitismo

Gli israeliani che si preoccupano per la ricomparsa dell’odio contro gli ebrei avrebbero dovuto pensarci prima di scatenare un’altra guerra senza senso a Gaza. Leggi

Siete mai stati a Gaza?

Se gli israeliani mettessero da parte l’odio capirebbero che molte delle richieste di Hamas sono legittime e ragionevoli. Leggi

Tutta colpa di Hamas

In Israele la negazione della realtà sta raggiungendo livelli mai visti prima. Leggi

La guerra degli inganni

Per giustificare la strage di Gaza, Israele ha dovuto ricorrere a un’impressionante quantità di bugie. Leggi

L’indifferenza di Israele

La mancanza di compassione davanti ai bambini uccisi è l’aspetto più vergognoso dell’attacco a Gaza. Leggi

pubblicità