Haaretz

È un quotidiano israeliano.

Per il capo dell’esercito israeliano i morti palestinesi non esistono

Aviv Kochavi avrebbe potuto cambiare qualcosa nelle forze armate. Invece sembra essersi posto una missione. Ed è una cattiva notizia sia per gli israeliani sia per i palestinesi. Leggi

Come si muore protestando contro un insediamento in Cisgiordania

Le testimonianze dei manifestanti che da maggio si mobilitano contro la costruzione dell’avamposto illegale di Evyatar nelle terre dei loro villaggi. E il racconto dell’uccisione di quattro di loro. Leggi

pubblicità
La normalità israeliana che alimenta la guerra

Il blocco di Gaza continuerà, lo stivale israeliano continuerà a schiacciare il collo della Cisgiordania, e nelle città miste arabo-ebraiche continueranno le provocazioni. Leggi

Il costo insostenibile della distruzione di Gaza

Secondo i calcoli di Hamas i danni ammontano a più di 250 milioni di dollari. Inoltre a causa della distruzione delle infrastrutture elettriche e idriche circa ottocentomila persone non hanno accesso all’acqua. Leggi

A Gaza Israele cancella intere famiglie palestinesi

Il numero di famiglie uccise a Gaza dall’esercito israeliano e la modalità dei bombardamenti dimostrano che si tratta di decisioni prese dall’alto. Ma ogni vittima ha un nome e una storia. Leggi

pubblicità
Nel quartiere di Sheikh Jarrah, dove la realtà produce odio

Un abitante palestinese racconta la storia della sua famiglia, cacciata dalla propria casa nel 1948 e in seguito alloggiata in questa zona di Gerusalemme Est, da dove ora rischia di essere espulsa di nuovo. Leggi

A chi fa comodo il rinvio delle elezioni palestinesi 

La decisione del presidente Abu Mazen di sospendere il voto serve a garantire il potere della leadership palestinese e mantenere lo status quo, finendo così per favorire la politica israeliana di occupazione. Leggi

L’estrema destra conquista il parlamento israeliano

Rappresentanti di gruppi razzisti e neofascisti sono entrati nella knesset. Ma non è da queste elezioni che hanno ottenuto legittimità: le loro posizioni sono tacitamente approvate da tanti israeliani da troppo tempo. Leggi

Una speranza per Israele dai giudici dell’Aja

La Corte penale internazionale ha stabilito di avere la giurisdizione per indagare sui crimini di guerra nei territori occupati da Israele. Per il paese è un’occasione per fare i conti con se stesso. Leggi

Un giusto tra le nazioni o un persecutore di ebrei?

Un libro denuncia il ruolo di un sindaco polacco nelle persecuzioni antisemite durante l’occupazione nazista. La nipote ha denunciato per diffamazione gli autori. Al centro della vicenda, una donna sopravvissuta all’Olocausto. Leggi

pubblicità
Per Israele sono illegali, ma sono gli operai palestinesi a costruire il paese 

Il pestaggio di alcuni palestinesi entrati illegalmente in Israele per lavorare ha rivelato gli abusi sistematici della polizia di frontiera israeliana. E l’ipocrisia del sistema giudiziario. Leggi

Le vittime siriane dei raid attribuiti a Israele non interessano a nessuno

Da mesi le forze armate israeliane compiono incursioni in territorio siriano con l’obiettivo di arginare l’influenza dell’Iran nella regione. Ma la stampa e l’opinione pubblica israeliane sono del tutto indifferenti Leggi

Perché Israele vuole annettere parti della Cisgiordania

Benjamin Netanyahu è pronto ad annettere unilateralmente gli insediamenti israeliani in Cisgiordania. Ma quali saranno le conseguenze per i palestinesi? E cosa ne pensano gli israeliani? Leggi

Per i palestinesi l’annessione della Cisgiordania è il male minore

L’annessione dei Territori occupati svelerebbe ogni ipocrisia e imporrebbe a tutti di fare i conti con la realtà. E cioè che non c’è mai stata davvero l’intenzione di trovare una soluzione. Leggi

Netanyahu va all’attacco e vince

Il Likud, come la Lista araba unita, ha conquistato elettori mantenendo una linea politica con un messaggio chiaro. Gli altri hanno esitato e si sono impantanati in dispute interne. Leggi

pubblicità
Il paese palestinese che non si arrende mai 

Da febbraio Nabi Saleh è tornato al passato e il posto di blocco israeliano all’ingresso del villaggio è di nuovo attivo. Gli abitanti avevano sospeso le manifestazioni, ma il piano di pace di Trump ha cambiato le cose. Leggi

In Israele libertà, uguaglianza e fratellanza non valgono per tutti

In Francia l’assemblea nazionale ha approvato una risoluzione che di fatto equipara l’antisionismo all’antisemitismo. Senza curarsi dei diritti dei palestinesi né di tutelare la libertà di criticare alcune conseguenze del progetto sionista. Leggi

Perché Israele continua a bombardare Gaza?

Molto sangue è stato versato e continua a essere versato: più di 30 palestinesi uccisi nella Striscia di Gaza, distruzione e paura da ambo le parti, e che non porteranno a niente. Leggi

Diamo ascolto a Mandela sull’apartheid israeliano

Il nipote ed erede politico di Nelson Mandela sostiene il boicottaggio contro Israele. E spiega perché non si tratta di antisemitismo. Leggi

Israele divide i palestinesi per controllarli meglio

Arkan aveva 15 anni ed è stato ucciso dai soldati israeliani per aver tirato un sasso contro una loro Jeep. Sajid è morto a 17 anni mentre soccorreva dei feriti. Erano cugini. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.