Hebron

Quattro palestinesi sono stati uccisi in due diversi episodi di violenza in Cisgiordania
Quattro palestinesi sono stati uccisi in due diversi episodi di violenza in Cisgiordania. I palestinesi sono stati uccisi dalle forze di sicurezza israeliane, in due quartieri di Ramallah e a Hebron, mentre provavano a portare a termine degli attentati all’arma bianca. Alcuni soldati israeliani e un civile hanno riportato lievi ferite.
A Hebron i giovani non riescono più a sognare

È qui che non si è più umani, in questa città divisa in area H1 e H2, la prima sotto controllo palestinese, la seconda sotto controllo israeliano: una città in cui ci si dà appuntamento accanto a un numero, il checkpoint 55, il checkpoint 56, e in cui in realtà, ormai, si è un numero, perché entra solo chi è registrato. Leggi

pubblicità
Due israeliani uccisi a colpi d’arma da fuoco vicino a Hebron in Cisgiordania.
Due israeliani uccisi a colpi d’arma da fuoco vicino a Hebron in Cisgiordania. Un uomo di 40 anni e suo figlio di 18 sono morti nell’attacco contro l’auto su cui viaggiavano nei pressi della colonia di Otniel. Un palestinese sarebbe sceso da un’auto, ha aperto il fuoco e poi è fuggito. Tra Hebron e il resto della Cisgiordania sono morti tre giovani palestinesi, rimasti uccisi durante gli scontri con i militari israeliani.
Due nuovi attentati in Cisgiordania, uccisi i due attentatori palestinesi
Due nuovi attentati in Cisgiordania, uccisi i due attentatori palestinesi. Due palestinesi che hanno provato ad accoltellare, in due diversi attacchi, due soldati israeliani sono stati uccisi a Hebron.
Un israeliano gravemente ferito da un palestinese in Cisgiordania.
Un israeliano gravemente ferito da un palestinese in Cisgiordania. Si è trattato di un nuovo attacco con un coltello, secondo la polizia israeliana, che è avvenuto vicino all’insediamento di Ariel. L’aggressore è in fuga. È il terzo attacco nel giro di 24 ore dopo quelli a Hebron e Mezad.
pubblicità
Le proteste dei giovani palestinesi a Hebron in Cisgiordania

Le tensioni tra israeliani e palestinesi sono molto peggiorate negli ultimi giorni a Hebron, in Cisgiordania. La situazione è deteriorata dopo che in città, martedì sera, un soldato israeliano è rimasto leggermente ferito da due giovani palestinesi armati di coltello e un altro militare ha sparato agli aggressori, uccidendoli entrambi. Dopo l’episodio sono scoppiate violente manifestazioni dei palestinesi contro le forze di sicurezza israeliane. Il video dell’Afp. Leggi

Scontri a Hebron

Le forze di sicurezza israeliane si sono scontrate con un gruppo di circa trecento manifestanti palestinesi a Hebron, in Cisgiordania. I giovani hanno lanciato pietre verso gli agenti, che hanno sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla. Secondo le autorità israeliane, non ci sono stati feriti né arresti. Ap

L’esercito uccide un palestinese a Hebron

A Hebron, in Cisgiordania, circa 150 palestinesi hanno manifestato contro l’occupazione militare israeliana e hanno lanciato bombe incendiarie contro un convoglio militare israeliano. L’esercito ha sparato contro i manifestanti e ha ucciso un ragazzo di 22 anni, Muhamad Jawabreh. Bbc

La vendetta dei soldati

Mercoledì mattina ho trovato sul cellulare un messaggio inviato a notte fonda: “L’esercito ha fatto irruzione nella casa di Saddam Abu Sneina. L’hanno picchiato e poi hanno arrestato suo fratello”. Leggi

Ucciso a quattordici anni

Nella nostra realtà distorta un medico araboisraeliano che si prende cura di un soldato ferito è un raggio di luce. Leggi

pubblicità
Permesso negato

L’uomo al telefono non conosceva il mio nome. Mi ha detto il suo e ha cominciato a raccontarmi la sua storia. Leggi

Odissea al checkpoint

Ho conosciuto Musa quasi due mesi fa, alle tre del mattino, mentre ero in coda al checkpoint di Tarqumiya con i palestinesi che vanno a lavorare in Israele. Leggi

Malvagità senza confini

Da qualche tempo un gruppo di attivisti israeliani antioccupazione mi chiama per chiedermi di rivolgere alcune domande alle autorità militari. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.