Il nostro clima

Gli ultimi studi sull’emergenza climatica e i consigli pratici per affrontare i cambiamenti.

Spiagge da salvare

Migliaia di chilometri di coste sabbiose rischiano di scomparire nei prossimi decenni in tutto il mondo a causa del riscaldamento climatico e di altri interventi umani. Leggi

Serve una strategia per ridurre le emissioni di metano

Gran parte delle emissioni di questo gas serra nell’atmosfera è dovuta all’uso dei combustibili fossili. La percentuale è maggiore rispetto a quanto si pensava. Leggi

pubblicità
Avere più terre coltivabili ha un prezzo

La crisi climatica potrebbe far aumentare le terre coltivabili nel mondo, ma con grandi costi ambientali. Leggi

Le correnti oceaniche sono sempre più forti

A partire dagli anni novanta le correnti sono diventate più veloci, soprattutto nel Pacifico e ai tropici. Leggi

Meno aerei, più treni

La ricomparsa del servizio ferroviario notturno in Europa è dovuta alla necessità di trovare alternative ai voli. Leggi

pubblicità
Rinnovarsi per prevenire i disastri

Negli Stati Uniti molte infrastrutture stanno invecchiando. Alcune sono già inadeguate a limitare gli effetti del cambiamento climatico. Leggi

I Paesi Bassi stanno affondando

Nel paese europeo si aggrava la subsidenza dovuta all’estrazione di acqua per uso agricolo e alla costruzione di infrastrutture in superficie. Un problema finora sottovalutato. Leggi

Vegani part-time

Aumentano le persone che rinunciano ai prodotti animali solo in certi periodi: quotidianamente fino alle 18, il lunedì o un mese all’anno. È utile? Leggi

La strategia dei pinguini

Due specie simili che vivono nella stessa regione possono reagire in modo completamente diverso al cambiamento climatico e ai mutamenti dell’ecosistema. Leggi

Previsioni accurate

Già negli anni settanta i ricercatori avevano capito come il sistema climatico del pianeta avrebbe risposto a un effetto serra sempre più accentuato. Leggi

pubblicità
Come dialogare con un negazionista dei cambiamenti climatici

Qualche consiglio su come comportarci quando abbiamo a che fare con persone scettiche riguardo al riscaldamento globale. Leggi

L’auto elettrica non è ancora alla portata di tutti

La transizione verso l’automobile elettrica potrebbe essere più lenta del previsto e il costo delle batterie non scenderà molto nei prossimi anni. Leggi

I bambini sono i più colpiti dalla crisi climatica

Il riscaldamento globale incide sulla salute umana dall’infanzia all’adolescenza, dall’età adulta alla vecchiaia, ma i bambini sono sicuramente i più esposti ai rischi. Leggi

Sei strategie per il pianeta

“La Terra sta affrontando un’emergenza climatica”, si legge in un documento firmato da più di undicimila ricercatori di tutto il mondo. Leggi

Le regioni dei delta fluviali rischiano di restare senza terra

Le regioni che ospitano i delta di molti fiumi sono minacciate e potrebbero sprofondare a causa della riduzione del flusso di sedimenti. Leggi

pubblicità
La rete elettrica è più ricca con le fonti alternative

Negli Stati Uniti circa il 15 per cento dell’elettricità prodotta nel paese proviene dall’eolico, il solare, il geotermico, l’idroelettrico e le biomasse. Leggi

Una tavola equa e verde

Quando compriamo dei prodotti alimentari non è detto che i soldi arrivino direttamente ai contadini dei paesi d’origine. Leggi

Le carte fedeltà che fanno male al pianeta

I programmi che invitano le persone ad accumulare punti per viaggiare gratis in aereo andrebbero eliminati. Leggi

Lavaggio a freddo

Lavare i panni in modo intelligente può contribuire a combattere la crisi climatica a casa, scrive il New York Times. Leggi

Gli oceani sono in pericolo

L’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Ipcc) analizza le conseguenze dell’aumento delle temperature sugli oceani, sui ghiacci polari e sui ghiacciai montani. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.