Margine protettivo

Cos’è rimasto di Gaza

Durante l’operazione Margine protettivo del 2014, gran parte di Gaza è stata ridotta in macerie. Le immagini riprese da un drone mostrano la situazione della città subito dopo la guerra e ora, con alcune parti ricostruite e altre ancora in rovina.

pubblicità
L’inchiesta delle Nazioni Unite sulla guerra a Gaza

Almeno 44 persone sono state uccise da “azioni israeliane” durante i bombardamenti di scuole delle Nazioni Unite a Gaza, nella guerra Margine protettivo avvenuta la scorsa estate nella Striscia di Gaza. Lo denuncia un’inchiesta delle Nazioni Unite. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha condannato le operazioni e ha ribadito che le strutture dell’Onu sono “inviolabili”.

L’inchiesta ha anche messo in luce che tre scuole dell’Onu sono state usate dai palestinesi come deposito di armi e in due casi sono stati lanciati razzi dalle strutture. L’operazione Margine protettivo è durata 50 giorni ed è costata la vita a 2.260 persone, tra cui 2.189 palestinesi, di cui 1.486 civili e a 67 militari e sei civili israeliani. A novembre del 2014 le Nazioni Unite hanno annunciato che avrebbero aperto un’inchiesta indipendente su dieci episodi di violenza contro le scuole dell’Onu a Gaza avvenuti tra l’8 luglio e il 26 agosto 2014.

I palestinesi di Gaza aspettano ancora gli aiuti

I partecipanti alla conferenza dei donatori organizzata al Cairo avevano promesso 3,5 miliardi di dollari per la ricostruzione degli oltre diecimila edifici danneggiati nel corso dell’operazione militare israeliana Margine protettivo. Ma un rapporto sottoscritto da decine di ong, tra cui Oxfam, Save the Children e Cospe, denuncia che è stato stanziato solo il 26,8 per cento dei fondi previsti. Leggi

Si occuperà delle morti tra i civili rifugiati nelle scuole

Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha annunciato l’apertura di un’inchiesta sugli attacchi alle strutture delle Nazioni Unite avvenuti durante la guerra israeliana nella Striscia di Gaza, cominciata l’8 luglio del 2014.

Ban Ki-moon ha spiegato che l’inchiesta servirà a capire perché decine di civili sono stati uccisi mentre erano rifugiati nelle scuole gestite dall’Onu. Il segretario generale ha aggiunto che l’indagine si occuperà anche delle scuole dove Hamas ha nascosto le armi. Bbc

pubblicità
Siete mai stati a Gaza?

Se gli israeliani mettessero da parte l’odio capirebbero che molte delle richieste di Hamas sono legittime e ragionevoli. Leggi

Per i palestinesi l’unità è il primo obiettivo

La solidarietà con Gaza dev’essere il punto di partenza per ricostituire l’Olp e creare un fronte unito nei negoziati con Israele. Leggi

L’incubo di Gaza

In base alle loro stesse leggi gli Stati Uniti devono interrompere gli aiuti a Israele e chiedere la fine dell’oppressione dei palestinesi. Leggi

Tutta colpa di Hamas

In Israele la negazione della realtà sta raggiungendo livelli mai visti prima. Leggi

Rompere l’assedio

Hamas e Al Fatah hanno capito che devono unire le forze per superare l’embargo di Gaza e ottenere la libertà di movimento per i palestinesi. Leggi

pubblicità
La guerra degli inganni

Per giustificare la strage di Gaza, Israele ha dovuto ricorrere a un’impressionante quantità di bugie. Leggi

L’indifferenza di Israele

La mancanza di compassione davanti ai bambini uccisi è l’aspetto più vergognoso dell’attacco a Gaza. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.