L’inchiesta delle Nazioni Unite sulla guerra a Gaza

28 aprile 2015 08:36

Almeno 44 persone sono state uccise da “azioni israeliane” durante i bombardamenti di scuole delle Nazioni Unite a Gaza, nella guerra Margine protettivo avvenuta la scorsa estate nella Striscia di Gaza. Lo denuncia un’inchiesta delle Nazioni Unite. Il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha condannato le operazioni e ha ribadito che le strutture dell’Onu sono “inviolabili”.

L’inchiesta ha anche messo in luce che tre scuole dell’Onu sono state usate dai palestinesi come deposito di armi e in due casi sono stati lanciati razzi dalle strutture. L’operazione Margine protettivo è durata 50 giorni ed è costata la vita a 2.260 persone, tra cui 2.189 palestinesi, di cui 1.486 civili e a 67 militari e sei civili israeliani. A novembre del 2014 le Nazioni Unite hanno annunciato che avrebbero aperto un’inchiesta indipendente su dieci episodi di violenza contro le scuole dell’Onu a Gaza avvenuti tra l’8 luglio e il 26 agosto 2014.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.