Nicolás Maduro

Il Venezuela accusa gli Stati Uniti di aver installato basi segrete nell’Esequibo

Il 3 aprile il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha accusato gli Stati Uniti di aver installato “basi militari segrete” nell’Esequibo, una regione ricca di petrolio amministrata dalla Guyana ma rivendicata da Caracas. Leggi

L’assemblea nazionale venezuelana approva in prima lettura una legge “antifascista”

Il 2 aprile l’assemblea nazionale venezuelana ha approvato in prima lettura un progetto di legge contro il “fascismo” che prevede pene fino a dodici anni di prigione e pesanti multe, e che suscita le preoccupazioni dell’opposizione. Leggi

L’opposizione venezuelana candida alle presidenziali Edmundo González Urrutia

Il 26 marzo la Plataforma unitaria democrática (Pud), la principale coalizione d’opposizione, ha potuto registrare con ventiquattr’ore di ritardo una candidatura per le elezioni presidenziali del 28 luglio. Leggi

Manuel Rosales si candida a sorpresa alle elezioni presidenziali in Venezuela

Manuel Rosales, avversario di Hugo Chávez nelle elezioni presidenziali del 2006 e attuale governatore dello stato nordoccidentale di Zulia, sfiderà il capo dello stato uscente Nicolás Maduro nelle presidenziali del 28 luglio. Leggi

Il Venezuela invita gli osservatori dell’Unione europea alle presidenziali di luglio

Il 7 marzo il Consiglio nazionale elettorale (Cne) ha invitato gli osservatori dell’Unione europea alle elezioni presidenziali del 28 luglio, in cui l’attuale capo dello stato Nicolás Maduro si candiderà a un terzo mandato. Leggi

Manifestazione a Caracas per chiedere la liberazione dell’attivista Rocío San Miguel

Rocio San Miguel, l’avvocato venezuelano e attivista per i diritti umani il cui arresto ha suscitato un’indignazione internazionale, è una donna famosa per essersi opposta… Leggi

Gli Stati Uniti riattivano le sanzioni contro il Venezuela dopo l’esclusione di Machado

Il 30 gennaio gli Stati Uniti hanno annunciato la riattivazione delle sanzioni contro il settore del petrolio e del gas venezuelano, denunciando il mancato rispetto da parte di Caracas degli impegni presi in vista delle presidenziali. Leggi

L’eredità di Chávez pesa sul futuro del Venezuela

“Il presidente Nicolás Maduro sta cercando di gestire la crisi ereditata da Hugo Chávez, ma senza dare la colpa al suo predecessore”. Lo scrittore Alberto Barrera Tyszka commenta la situazione politica del Venezuela al festival di Internazionale a Ferrara. Leggi

Arrestato un giornalista vicino all’opposizione in Venezuela.
Arrestato un giornalista vicino all’opposizione in Venezuela. Braulio Jatar, direttore del sito Reporte confidencial, è stato fermato da agenti dei servizi segreti mentre andava in radio per il suo programma, a Villa Rosa, sull’isola di Margarita. Intanto, le autorità hanno rilasciato le trenta persone arrestate il 3 settembre durante una protesta organizzata in occasione dell’arrivo del presidente Nicolás Maduro sull’isola.
Migliaia di venezuelani passano il confine per fare la spesa in Colombia

Più di 35mila venezuelani hanno attraversato il confine con la Colombia per comprare medicine e alimenti. La frontiera, chiusa da 11 mesi, è stata aperta per 12 ore. Il video dell’Afp. Leggi

Caracas apre le frontiere con la Colombia per 12 ore.
Caracas apre le frontiere con la Colombia per 12 ore. Erano chiuse da undici mesi, su ordine del presidente Nicolás Maduro. Dalle 5 del mattino del 10 luglio un flusso ininterrotto di venezuelani sta entrando nel paese vicino dal valico di San Antonio del Táchira. Vanno a comprare medicine e alimenti, difficili da reperire in Venezuela per l’inflazione al 700 per cento e la mancanza di provviste.
L’anno più difficile del Venezuela

In Venezuela scarseggia sempre di più il cibo e nelle principali città aumentano le proteste e i saccheggi dei negozi alimentari. Un video del New York Times racconta la crisi economica, sociale e istituzionale del paese. Leggi

In Venezuela richiesta la verifica delle firme raccolte per destituire il presidente.
In Venezuela richiesta la verifica delle firme raccolte per destituire il presidente. La commissione elettorale di Caracas ha accolto 1,3 milioni di firme a sostegno di un referendum contro Nicolás Maduro. Per evitare brogli, esige però che almeno 200mila firmatari vadano a un ufficio elettorale a lasciare le impronte digitali. Per l’opposizione è un modo per ritardare il referendum.
I venezuelani contro Maduro in parlamento e nelle piazze

Il Venezuela è in piena crisi economica, sociale e istituzionale. Migliaia di persone in tutto il paese hanno manifestato contro il governo di Nicolás Maduro. La colazione d’opposizione guidata da Henrique Capriles vuole indire un referendum di revoca del mandato presidenziale, ma l’esecutivo sta rallentando la procedura. Il video dell’Afp. Leggi

La crisi in Venezuela in sei punti

Il 18 maggio in Venezuela si sono svolte nuove proteste, convocate dall’opposizione che chiede un referendum per destituire il presidente Nicolás Maduro. Migliaia di persone hanno manifestato a Caracas e in altre venti città del paese. Non ci sono stati scontri, malgrado la tensione sia molto alta. Maduro ha detto di essere pronto ad approvare un decreto contro “le violenze golpiste”. Leggi

Il Venezuela al buio è un fallimento per tutto il Sudamerica

Il governo di Nicolás Maduro ha ordinato che i dipendenti pubblici lavorino solo due giorni alla settimana per risparmiare elettricità. La decisione è sintomo delle mancanze croniche del sistema venezuelano, che aveva inaugurato in tutta la regione una via alternativa al neoliberismo. E che ora affronta il suo fallimento. Leggi

In Venezuela si scontrano oppositori e sostenitori del governo chavista

Alcuni antichavisti hanno manifestato ieri per promuovere un referendum sulla destituzione del presidente. Sono stati aggrediti dai sostenitori del governo di Nicolás Maduro e dispersi da agenti in assetto antisommossa. Il video dell’Afp. Leggi

Il Venezuela aumenta del seimila per cento il prezzo della benzina

Il presidente Nicolás Maduro ha annunciato alcune misure per affrontare una devastante crisi economica. Il pacchetto prevede la svalutazione del bolívar, la valuta nazionale, e il primo aumento dopo 17 anni del costo del carburante. Leggi

I candidati del partito chavista contestano i risultati delle elezioni
I candidati del partito chavista contestano i risultati delle elezioni. Gli esponenti del Partito socialista unito del Venezuela (Psuv) sostengono che ci sono state irregolarità nell’elezioni di otto candidati dell’opposizione. Alle scorse consultazioni legislative, che si sono tenute il 6 dicembre, la Mesa de la unidad democrática (Mud) ha conquistato 99 seggi, contro i 46 del Partito socialista unito del Venezuela (Psuv) del presidente Nicolás Maduro.
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.