Il 10 luglio Taiwan ha dichiarato di aver individuato 37 aerei militari cinesi intorno all’isola, diretti verso il “Pacifico occidentale” per raggiungere una portaerei cinese nell’ambito di esercitazioni militari.

La Cina rivendica Taiwan, governata da un regime democratico, come parte del suo territorio e ha dichiarato che non rinuncerà mai all’uso della forza per prendere il controllo dell’isola.

Il ministero della difesa dell’isola ha dichiarato in un comunicato delle 9.30 circa di aver individuato “trentasette velivoli cinesi” intorno a Taiwan dalle 5.20 dello stesso giorno, tra cui caccia e droni.

Dei trentasette aerei, trentasei hanno attraversato la linea mediana dello stretto di Taiwan, che divide in due lo stretto di 180 chilometri tra l’isola e la Cina continentale.

Questi aerei si stavano dirigendo “verso il Pacifico occidentale utilizzando il nostro spazio aereo meridionale e sudorientale” per unirsi “alla portaerei Shandong per l’addestramento marittimo e aereo”, secondo la stessa fonte.

Il ministro della difesa taiwanese Wellington Koo ha dichiarato alla stampa che la portaerei “non ha attraversato il canale di Bashi”, una via d’acqua al largo della punta meridionale di Taiwan attraverso la quale transitano solitamente le navi cinesi dirette verso l’oceano Pacifico.

Iscriviti a
In Asia
Cosa succede in Asia e nel Pacifico. A cura di Junko Terao. Ogni sabato.
Iscriviti
Iscriviti a
In Asia
Cosa succede in Asia e nel Pacifico. A cura di Junko Terao. Ogni sabato.
Iscriviti

“Si è spinto più a sud, nel canale di Balintang, verso il Pacifico occidentale”, ha aggiunto, riferendosi a un canale marittimo situato a nord dell’isola di Babuyan, nelle Filippine, a circa 250 chilometri a sud di Bashi.

Il ministero della difesa ha aggiunto che le forze armate dell’isola hanno monitorato la situazione e dispiegato “aerei, navi e sistemi missilistici costieri”.

Nelle Filippine un portavoce dell’esercito ha dichiarato di aver ricevuto informazioni sulle manovre russo-cinesi nel mar delle Filippine, senza commentare la portaerei. “Continueremo a monitorare la situazione per garantire che i diritti sovrani (delle Filippine) non vengano violati”, ha aggiunto il colonnello Xerxes Trinidad.

Le tensioni tra Manila e Pechino sono state importanti per diversi anni in seguito a una serie di scontri nel mar Cinese meridionale.

Se sei qui...
…è perché pensi che informarsi su quello che succede nel mondo sia importante. In questo caso potresti prendere in considerazione l’idea di abbonarti a Internazionale. Fino al 24 luglio costa solo 1,18 euro alla settimana, oppure 2,18 euro alla settimana se vuoi ricevere anche il giornale di carta. E in più ogni mattina all’alba ti mandiamo una newsletter con le notizie più importanti del giorno.