VIDEO
Enrico Parenti racconta una scena di Soyalism

Enrico Parenti racconta una scena di Soyalism

05 marzo 2019 13:57

“Il documentario parla della monocolture di soia e di come queste stiano aumentando in tutto il mondo, in particolare in Sudamerica”, spiega nel video Enrico Parenti, regista di Soyalism insieme a Stefano Liberti. “In questa scena alcuni contadini raccontano che non riescono a coltivare più nulla perché gli insetti che scappano dalle monocolture, ben protette dai pesticidi, vanno a finire nei loro piccoli campi”.

La soia è usata soprattutto come mangime per gli animali e la sua domanda è destinata a crescere con l’aumento del consumo di carne nel mondo. In Brasile centinaia di migliaia di ettari sono già stati convertiti alla monocoltura, soppiantando le piccole produzioni locali.

Soyalism è in tour in tutto il mondo, dal 6 marzo sarà proiettato in diverse sale italiane:

  • 6 marzo - Perugia, Nuovo Cinema Méliès
  • 13 marzo - Bologna, Cinema Lumière
  • 14 marzo - Macerata, Cinema Italia
  • 15 marzo - Roma, Nuovo Cinema Aquila
  • 22 marzo, Volterra, Cinema Centrale
  • 26 e 27 marzo - Milano, Festival del Cinema Africano, d’Asia e America Latina
  • 29 marzo - Spoleto, Cinema Sala Pegasus
  • 2 aprile - Firenze, Cinema Odeon
  • 10 aprile - Pisa, Cinema Arsenale

Stefano Liberti è un giornalista e regista italiano. Ha diretto il documentario L’inferno dei bimbi stregoni, vincitore del premio L’Anello Debole nel 2010. Ha scritto I signori del cibo. Viaggio nell’industria alimentare che sta distruggendo il pianeta (Minimum fax 2016).

Enrico Parenti è un regista e direttore della fotografia italoamericano. Dal 2004 realizza video e collabora con numerose televisioni italiane e straniere. Con Stefano Liberti ha realizzato il documentario Container 158 (2013).

Guarda anche

Guarda gli altri video della serie Anatomia di una scena.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.