Cinema

No time to die o Titane? E perché non tutti e due?

In sala c’è l’imbarazzo della scelta. L’occasione giusta per tornare al cinema, se ancora non l’avete fatto. Leggi

Quo vadis, Aida? è una radiografia perfetta della guerra

Esce in Italia il film della regista Jasmila Žbanić, un capolavoro e una lezione di cinema che interroga sulle bugie e i silenzi, anche nostri, sul massacro di Srebrenica ordinato da Ratko Mladić nel luglio 1995. Leggi

pubblicità
Bette Davis è la persona che può insegnarci meglio come vivere ora

Perdutamente tua è la storia di una donna che si emancipa e trova il suo posto nel mondo. Tenta come noi di uscire di nuovo alla luce e ci dice che quel che abbiamo al momento è abbastanza bello da bastarci. Leggi

Le ombre di Drive my car ci avvolgono in una danza unica

Con Drive my car e Il gioco del destino e della fantasia (entrambi in uscita in Italia), il regista Ryūsuke Hamaguchi tesse storie intime di sapore universale, tese verso l’altro e verso una verità sociale oltre che individuale. Leggi

Dune, non solo elegante

La versione di Denis Villeneuve del classico di fantascienza di Frank Herbert è un film sontuoso e sicuramente diverso dalle grandi produzioni di avventura fantasy a cui è abituato il grande pubblico. Leggi

pubblicità
Welcome Venice, commossa elegia per una beltà tradita

Il conflitto tra due fratelli, la smania di denaro, e il tentativo di preservare bellezza e memoria sono gli ingredienti del film di Andrea Segre per raccontare la battaglia per Venezia, finora persa ma forse pronta a riemergere. Leggi

Venezia 78. Gli stranieri sono tornati

I turisti stranieri sono tornati sul ponte di Rialto, e autori e attori del cinema internazionale sono tornati alla Mostra del cinema di Venezia. Leggi

Qui rido io, belle époque napoletana

Mario Martone racconta la storia e l’epoca di Eduardo Scarpetta poggiando su due pilastri della sua vita: il teatro e la famiglia. Leggi

Suoni del 1984

Con gli Eurythmics un po’ al cinema e un po’ no. Leggi

Venezia 78. A casa tutti bene

Tanti i film italiani presentati alla Mostra del cinema di Venezia, in un’edizione in cui si fanno ancora i conti con il covid-19. Leggi

pubblicità
Il buco è un ritorno alle origini del cinema e una sfida al suo futuro

Quello di Michelangelo Frammartino è un “film storico” in quanto evoca l’impresa compiuta da un gruppo di giovani speleologi nel 1960. Ma crea qualcosa di unico, suscitando una forte partecipazione emotiva. Leggi

L’utopia di Ariaferma ribalta i luoghi comuni sul carcere

Il film di Leonardo di Costanzo, fuori concorso alla Mostra del cinema di Venezia, va oltre gli stereotipi su guardie e detenuti e costruisce un affresco della comune natura umana. Leggi

Majid Majidi racconta una scena di Figli del sole

“Ho amato molto l’atmosfera di questa scena, e la amo ancora”, spiega il regista iraniano. Leggi

Haider Rashid racconta una scena di Europa

“Questa scena è costruita in due lunghi piani sequenza: uno per l’ingresso al confine e il secondo per la scena di violenza della polizia di frontiera nei confronti dei migranti”, spiega il regista. Leggi

Marx può aspettare, un autore e la sua famiglia

Prima dell’ondata di interessanti film italiani che saranno presentati a Venezia, vale la pena di tornare sul commovente documentario in cui Marco Bellocchio racconta un capitolo doloroso della sua storia familiare. Leggi

pubblicità
A Hong Kong la Cina soffoca anche il cinema

Una nuova legge impone di rispettare certi criteri per evitare di essere accusati di “secessione, sovversione, terrorismo o collusione con forze straniere”. Leggi

Chi uccide i film

L’industria dell’intrattenimento è sempre più concentrata nelle mani di pochi. Brutta notizia per i lavoratori e per il pubblico. Leggi

Il Giffoni film festival torna all’essenza

Per l’edizione 2021 del festival di cinema per ragazzi, tremila giovani giurati sono tornati a frequentare la cittadina in provincia di Salerno. Sono loro i veri protagonisti della manifestazione. Leggi

Il palmarès di Cannes guarda al futuro

I premi riflettono una giuria divisa, ma il festival conferma la sua vocazione alla ricerca di un cinema innovativo e artisti per niente scontati. Leggi

Relazioni e libertà al festival di Cannes

Con Les Olympiades Jacques Audiard ha girato un film interetnico sulle nuove generazioni, le loro relazioni sociali, intime e sessuali. Il film di Wes Anderson, invece, è sontuoso, ma ricorda un catalogo di invenzioni e citazioni. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.