Cinema

Come mantenere viva la presenza delle persone scomparse in Siria

Aveva cominciato a girare un documentario sulla rivoluzione siriana con un uomo che poi è stato rapito ed è scomparso nel nulla, padre Paolo Dall’Oglio. La regista di Ayouni riflette sulle sparizioni forzate, una delle tattiche più crudeli usate dai regimi. Leggi

Benoît Delépine racconta una scena di Imprevisti digitali

“Qui abbiamo voluto fare un film di Ken Loach in meno di cinque minuti”, dice il regista della commedia francese sulle follie del mondo dei social network. Leggi

pubblicità
Emma Dante racconta una scena di Le sorelle Macaluso

“Abbiamo girato la scena in due stanze contigue e per legare i due ambienti ho chiesto alle attrici di continuare a recitare anche se non erano riprese”, spiega la regista. Leggi

Christian Petzold racconta una scena di Undine - Un amore per sempre

“Girare questa scena è stato bellissimo. È una danza sottomarina senza dialoghi”, dice il regista tedesco. Leggi

Christian Frei racconta una scena di Genesis 2.0

“Il documentario è girato nell’estremo nord della Siberia, tra i cacciatori di zanne di mammut”, spiega uno dei registi. Leggi

pubblicità
Mauro Mancini racconta una scena di Non odiare

“In questa scena ho voluto forzare il dilemma etico del medico, mettendolo alle strette in una condizione di scelta di vita o di morte”, spiega il regista. Leggi

Benvenuti in Cecenia

Il festival Mix di Milano si apre con un documentario sulla persecuzione delle persone lgbt in Cecenia che finisce per essere una riflessione più ampia sull’omofobia come strumento di controllo. Leggi

Salvatore Mereu racconta una scena di Assandira

“Questa scena è girata senza interruzioni di montaggio, tutto il film è girato con lunghi piani sequenza”, spiega il regista. Leggi

Il lato oscuro della Silicon valley raccontato da chi l’ha creato

L’obiettivo del documentario The social dilemma non è quello di condannare la tecnologia ma di metterne in discussione l’uso che se ne fa, con l’obiettivo di riformarla. Sempre che sia ancora possibile. Leggi

Il problematico palmarès di Venezia 77 

Alla Mostra del cinema si sono viste belle cose, soprattutto nelle sezioni parallele, opere di qualità che fanno ricerca formale e di contenuti. Ma restano i dubbi sulla linea adottata dal festival più antico del mondo. Leggi

pubblicità
L’horror latinoamericano che denuncia le violazioni dei diritti umani

La Llorona, Tigers are not afraid o Il labirinto di un fauno hanno tutte le caratteristiche dei film horror che conosciamo e amiamo. Ma ci ricordano anche che i veri orrori sono nel mondo reale e che dobbiamo vederli e combatterli. Leggi

Notturno porta lo spettatore ai confini dell’umanità

Il nuovo documentario di Gianfranco Rosi, filmato nell’arco di tre anni sui confini di Iraq, Siria, Kurdistan e Libano, giunge nelle sale italiane in parallelo con la sua presentazione nel concorso di Venezia 77. Leggi

La magia della Disney non tiene la politica lontana da Mulan

Il remake del film d’animazione è uscito tra molte polemiche e accompagnato da una campagna di boicottaggio partita da Hong Kong. Leggi

Le donne al cuore della Mostra del cinema di Venezia

Dall’assedio di Srebrenica nel 1995 a Eleanor Marx, dalla forza della musica classica indiana a un insolito western di passione omosessuale, il festival mette in primo piano storie di resistenza al femminile e non solo. Leggi

Gianluca e Massimiliano De Serio raccontano una scena di Spaccapietre

“In questa scena l’atmosfera è sospesa tra la vita e la morte, ma anche tra il possibile e l’impossibile”, spiegano i registi del film. Leggi

pubblicità
Andrea Segre racconta una scena di Molecole

“Questa scena è stata girata a Venezia durante il lockdown. A piazza San Marco c’erano solo i gabbiani che urlavano di dolore e di fame”, spiega il regista. Leggi

Danilo Caputo racconta una scena di Semina il vento

“Il questa scena la protagonista torna dopo molto tempo nell’oliveto della sua famiglia. È qui che ha imparato ad ascoltare il suono degli alberi e a coglierne il linguaggio segreto”, spiega il regista. Leggi

Haifaa al Mansour racconta una scena di La candidata ideale

“In questa scena vediamo una festa di matrimonio per sole donne in Arabia Saudita. È un momento di grande gioia e divertimento, ma appena entra lo sposo le donne devono coprirsi”, spiega la regista saudita. Leggi

Judith Davis racconta una scena di Cosa resta della rivoluzione

“Ho voluto che il mio film fosse una commedia perché l’umorismo ci permette di non cadere nella disperazione e di trasformare la nostra collera”, spiega la regista francese. Leggi

Oltre il mito di Alberto Sordi

L’attore e regista è diventato il monumento più rappresentativo della cultura italiana. Com’è successo che un artista piuttosto reazionario e un’opera a tratti invecchiata siano ancora oggi così centrali nel nostro canone? Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.