Migranti e rifugiati subsahariani nel centro di detenzione di Zawiya, giungo 2016. (Narciso Contreras, Fondazione Carmignac)

Il vincitore del premio Carmignac di fotogiornalismo

21 aprile 2017 12:51

Il fotografo messicano Narciso Contreras è il vincitore del Prix Carmignac di fotogiornalismo del 2017. Giunto alla sua settima edizione, il premio sostiene ogni anno un reportage fotografico sulle violazioni dei diritti umani e della libertà d’espressione nel mondo.

Contreras ha vinto con un lavoro, realizzato nel 2016, sul traffico di esser umani nei centri di detenzione ai confini con la Libia. Queste strutture, controllate in molti casi dalle milizie, sono diventate “prigioni improvvisate” in cui donne e minori vivono in condizioni disumane e sono spesso vittime di abusi e violenze.

La Libia è uno dei principali punti di snodo per i migranti che dall’Africa vogliono raggiungere l’Europa attraversando il mar Mediterraneo. A settembre 2016 erano almeno 250mila i migranti bloccati nel paese, la maggior parte dei quali rinchiusi nei centri di detenzione.

Le immagini di Contreras saranno esposte al palazzo Reale di Milano nella mostra A human marketplace aperta dal 22 aprile al 13 maggio 2017.

pubblicità

Articolo successivo

Nella Galizia sconosciuta tra scrittori e luoghi dimenticati
Andrea Pipino