Libia

Libia

Capitale
Tripoli
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Dinaro libico
Superficie
Il razzismo in Libia ha radici profonde

“Non è facile essere neri in Libia”, mi ha detto Noah. Sono d’accordo ma in Libia non lo ammettiamo, e ci ripetiamo che siamo tutti uguali agli occhi di Allah. Leggi

Cronaca di un salvataggio in mare

Il 25 luglio 2017 l’ong Proactiva open arms ha soccorso 168 persone al largo della Libia. A bordo del gommone c’erano anche tredici cadaveri. Leggi

pubblicità
La sofferenza dei migranti in Libia nell’obiettivo di un fotografo

“Lavorare in Libia è stato molto difficile. Abbiamo documentato il traffico di esseri umani e la schiavitù, è stato sconvolgente”, racconta Narciso Contreras. Leggi

Tripoli vuole il controllo dei soccorsi nel Mediterraneo 

Il sequestro della nave di una ong spagnola da parte della guardia costiera di Tripoli solleva numerosi interrogativi sulla situazione nel Mediterraneo. Leggi

La Libia ha ancora spazio per la bellezza

La bellezza qui in Libia è una necessità, un importante fattore di sopravvivenza, naturalmente accanto al talento di nascondersi sotto gli occhi di tutti. Leggi

pubblicità
Spari della guardia costiera libica contro la nave di Open arms

Un video mostra agenti della guardia costiera libica sparare in aria per intimidire l’equipaggio della nave impegnata nei soccorsi. Leggi

Il mondo in breve

La missione italiana in Libia, l’Obamacare sopravvive al senato, la Giordania chiede un’inchiesta sull’agente israeliano: cos’è successo oggi nel mondo. Leggi

Il mondo in breve

Tolti i metal detector dalla spianata delle moschee, i leader rivali libici s’incontrano a Parigi, il nuovo presidente indiano è un intoccabile: cos’è successo oggi nel mondo. Leggi

Ci vuole un codice di condotta per l’Europa, non per le ong

Le reazioni di Sos Méditerranée e Medici senza frontiere al codice di condotta per le ong scritto dal governo italiano. Leggi

A bordo della nave Aquarius che salva i migranti

Cosa spinge gli operatori umanitari a soccorrere le persone nel Mediterraneo, nonostante le accuse che ricevono. Leggi

pubblicità
La voce di un poeta spaventa le autorità libiche

A Tripoli un uomo si è suicidato come Mohamed Bouazizi, che innescò la rivoluzione tunisina. Ora si vuole nascondere la sua storia. Leggi

Un tragicomico inizio di Ramadan a Tripoli

Il 26 maggio, un giorno prima dell’inizio del Ramadan, diverse milizie provenienti da Misurata e da qualche altra città hanno ricominciato a combattere a Tripoli. Leggi

L’illusione di libertà

Dopo essere stato catturato dalle forze leali a Gheddafi, il fotoreporter Manu Brabo è tornato in Libia per documentare l’ingiustizia e la crudeltà delle carceri. Leggi

Nei centri per migranti in Libia dettano legge i miliziani

Sapevo già abbastanza di come vanno le cose in Libia, ma era la prima volta che potevo vedere al lavoro le unità di contrasto all’immigrazione irregolare. Leggi

Affidare i migranti alla guardia costiera libica è inutile e pericoloso

Pensate davvero di poter addestrare dei miliziani e trasformarli in soldati e ufficiali disciplinati? E convincerli a rispettare i diritti umani? Leggi

pubblicità
La costituzione libica si presenta misera e fragile

La quarta bozza della carta costituzionale riporta i militari in primo piano e discrimina le donne. Leggi

L’Europa non può affidare alla Libia le vite dei migranti

Europa e Italia cercano di delegare alla Libia la soluzione al problema degli sbarchi. Ma nel paese la situazione umanitaria dei migranti è spaventosa. Leggi

L’accordo tra Italia e Libia potrebbe favorire il traffico di migranti

Molti esperti temono che i fondi stanziati dall’Italia per la guardia costiera libica finiscano indirettamente nelle mani dei trafficanti. Leggi

I baby sitter dei politici libici

La comunità internazionale invita continuamente i politici di Tripoli a sedersi e a fare pace. Leggi

Il vincitore del premio Carmignac di fotogiornalismo

Il fotografo messicano Narciso Contreras ha vinto il Prix Carmignac di fotogiornalismo del 2017. Il premio sostiene ogni anno un reportage fotografico sulle violazioni dei diritti umani e della libertà d’espressione nel mondo. Leggi

pubblicità