Cappa chimica, università di Edimburgo, Scozia, 2010. (Thomas Struth)

Le macchine del futuro

05 febbraio 2019 17:07

Thomas Struth è un fotografo tedesco conosciuto soprattutto per le foto scattate nei musei e per i ritratti di famiglia. È stato uno dei protagonisti della cosiddetta scuola di Düsseldorf, guidata da Bernd e Hilla Becher, che si è caratterizzata per una visione fotografica distante e oggettivante.

Dal 2007 Struth ha cominciato a lavorare su aziende all’avanguardia e laboratori dove si fa ricerca scientifica, luoghi in prima linea nella sperimentazione e nell’innovazione tecnologica. Il progetto è esposto alla Fondazione Mast di Bologna con il titolo Thomas Struth: nature & politics, fino al 22 aprile 2019.

Impianti nucleari, sale operatorie, piattaforme di perforazione sono i soggetti dei suoi scatti, insieme alle macchine che stanno influenzando e trasformando la società contemporanea.

Quelli che fotografa Struth sono luoghi spesso inaccessibili al pubblico: “Attraverso le sue immagini siamo in grado di percepire tutta la complessità, la portata, la forza dei processi, ma anche di intuire il potere, la politica della conoscenza e del commercio che essi celano”, spiega il curatore Urs Stahel.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.