New York, Stati Uniti (Spencer Platt, Getty Images)

“Robinhood, l’app che permette d’investire in borsa direttamente dal cellulare e senza pagare commissioni, ha deciso di allargare la sua clientela puntando sui più giovani”, scrive il Wall Street Journal. Per questo l’azienda ha avviato una campagna nelle università degli Stati Uniti. “Ogni studente che aprirà un account su Robin­hood con l’indirizzo di posta elettronica della sua università riceverà quindici dollari per cominciare a investire”. L’app è stata già scaricata da milioni di utenti (tra cui 3,8 milioni di studenti), gran parte dei quali sono giovani (l’età mediana è di 31 anni) e in precedenza non avevano mai investito in borsa. Negli ultimi mesi, tuttavia, l’attività ha cominciato a rallentare, spingendo i dirigenti di Robinhood a cercare nuovi clienti. “Corteggiare gli studenti, però, è un affare molto delicato per quest’azienda”, sottolinea il quotidiano statunitense. “Alcuni sostengono che Robinhood abbia trasformato l’esperienza dell’investimento in borsa in una specie di gioco per smartphone che spinge persone inesperte ad assumersi rischi che non capiscono. Quest’anno l’azienda ha dovuto affrontare l’azione legale dei familiari di uno studente universitario che si è tolto la vita credendo di aver subìto enormi perdite investendo con Robin­hood. A giugno, inoltre, l’app ha pagato quasi settanta milioni di dollari per chiudere un’azione dell’autorità di vigilanza, che accusava Robinhood di non informare correttamente i clienti”. ◆

Questo articolo è uscito sul numero 1428 di Internazionale, a pagina 112. Compra questo numero | Abbonati