Diplomazia

Nel dialogo con la Russia deve impegnarsi tutta l’Europa

Serve una dimensione transnazionale per affermare un’identità politica europea più forte e indipendente e ridefinire i rapporti di vicinato con la Russia. Leggi

Un secolo dopo la grande guerra, il mondo ha perso l’orientamento

Oggi nel mondo sono innumerevoli i conflitti legati a problemi che non sono stati affrontati dopo il 1918. L’11 novembre a Parigi ne discuteranno i leader di 60 paesi, tra cui Trump e Putin. Leggi

pubblicità
Macron e Merkel rilanciano l’Europa

Il presidente francese e la cancelliera tedesca discuteranno oggi di strategie commerciali, difesa europea e di un bilancio comune dell’eurozona. Leggi

Macron di fronte al mondo

Il nuovo presidente francese è un europeista convinto e si dice contrario agli interventi armati occidentali, in particolare nel mondo arabo e musulmano. Leggi

L’Onu ha settant’anni e deve cambiare ancora

Nel 1945 a San Francisco 51 nazioni si riunirono per il primo vertice delle Nazioni Unite, con l’ambizione di rendere il mondo migliore e più pacifico. Da allora a oggi ci sono stati terribili fallimenti e importanti successi. Nel 2015 l’Onu conta 193 membri e gestisce 16 missioni di pace nel mondo. Ma il nuovo millennio presenta sfide molto difficili. Il video del Guardian. Leggi

pubblicità
Iran e Grecia, due sfide per il mondo

Per ora sono solo scommesse: è ancora possibile che i due compromessi dell’estate 2015, quello greco e quello iraniano, si rivelino un fallimento. Ma entrambi sono migliori delle loro alternative. Leggi

E se Cuba si americanizza?

Il 20 luglio Stati Uniti e Cuba ristabiliranno ufficialmente le relazioni diplomatiche. Presto centinaia di migliaia di turisti americani potranno visitare l’isola. Ma alcuni temono che Cuba perda il suo fascino e la sua atmosfera speciale. Il video della Reuters. Leggi

La confusione di Washington

Sul Medio Oriente e i rapporti con Russia e Cina, gli Stati Uniti non sembrano avere una strategia coerente. Il parere di un conservatore americano sulla politica estera dell’amministrazione Obama. Leggi

Il mondo secondo Obama

Il commentatore del New York Times Thomas L. Friedman ha intervistato il presidente degli Stati Uniti Barack Obama sulla politica estera di Washington. In questa parte dell’intervista, Obama spiega la sua preferenza per la diplomazia e l’impegno nelle relazioni internazionali dopo la distensione con Cuba e l’accordo sul nucleare iraniano. Leggi

La posta in gioco nei negoziati sul nucleare iraniano

L’occidente può fidarsi dell’Iran? E gli iraniani possono fidarsi degli occidentali? Il New York Times ricostruisce il clima di diffidenza e speranza che circonda i negoziati sul programma nucleare di Teheran. Leggi

pubblicità
Gli Stati Uniti nominano la prima ambasciatrice in Somalia dal 1991

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha nominato la diplomatica Katherine Dhanani come ambasciatrice in Somalia. La nomina dovrà essere confermata dal senato. Dhanani, diplomatica con una lunga esperienza nelle questioni africane, potrebbe essere la prima persona a ricoprire l’incarico dal 1991, quando la Somalia è sprofondata nella guerra civile.

“Questa nomina storica indica il rafforzamento delle relazioni tra Stati Uniti e Somalia. Ci consente inoltre di sottolineare i progressi dei somali per lasciarsi alle spalle decenni di conflitto”, ha detto in una nota il portavoce del dipartimento di stato Jen Psaki. Se le condizioni di sicurezza lo consentiranno, ha aggiunto Psaki, “speriamo di aumentare la nostra presenza diplomatica in Somalia e alla fine di riaprire l’ambasciata statunitense a Mogadiscio”. Al Jazeera

L’eredità della Prima guerra mondiale

Se oggi non consideriamo più la guerra una cosa normale lo dobbiamo soprattutto agli orrori del conflitto scoppiato un secolo fa. Leggi

La guerra fredda per il cielo di Tonga

Il paese di cui non si è parlato questa settimana sui mezzi d’informazione. Leggi

La non-chiusura delle non-ambasciate

In Islanda e in Mauritania non c’erano ambasciate da chiudere. Leggi

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.