Cas Mudde

È un politologo olandese specialista dell’estremismo politico e dei movimenti populisti in Europa. Insegna all’Università della Georgia, negli Stati Uniti.

Le sfide democratiche dell’Europa dopo la pandemia

L’invasione dell’Ucraina segna una nuova crisi che coincide con la sconfitta dei partiti populisti e con l’accelerazione di altri cambiamenti. C’è però il rischio che l’Ue si concentri su posizioni antirusse invece che nella difesa dei suoi valori. Leggi

Quattro scenari per l’Europa nel 2022

Ancora scontri sulle regole contro la pandemia. La resa dei conti per i populisti. Una serie di elezioni dal risultato incerto. Cosa ci riserva il prossimo anno nell’analisi del politologo olandese Cas Mudde. Leggi

pubblicità
Perché l’estrema destra europea interessa ai conservatori statunitensi

Prima che Donald Trump entrasse in politica, negli Stati Uniti erano pochi i conservatori che avevano legami espliciti con la corrente più radicale della destra internazionale. Oggi questi legami sono alla luce del sole. Leggi

Come governi e aziende usano la causa lgbt+ per il marketing

I diritti degli omosessuali sono davvero così importanti per politici e aziende? Oppure li usano solo per migliorare la loro immagine? Leggi

Nel 2021 l’Europa deve guardare avanti

Cosa aspettarsi dopo un anno terribile come il 2020? La maggior parte delle persone ambisce semplicemente al ritorno a un passato. Le aspettative sono basse, forse anche troppo. Leggi

pubblicità
Qual è la posta in gioco per gli Stati Uniti e per tutti noi

Alla vigilia delle elezioni americane, il politologo olandese Cas Mudde illustra gli scenari possibili e le loro conseguenze per gli equilibri internazionali, soprattutto in Europa. Leggi

L’Unione europea davanti a un decennio di sfide decisive

Per diventare un attore globale indipendente l’Europa deve affrontare la sua crisi interna, ristabilire i suoi princìpi liberaldemocratici e adattarli alle sfide del ventunesimo secolo. Leggi

Cinque elementi decisivi per l’Europa del 2019

All’inizio dominerà la Brexit, poi l’attenzione si sposterà sulle elezioni europee: i populisti sembrano guadagnare terreno, ma la “locomotiva franco-tedesca” potrebbe rimettersi in moto. Il parere del politologo olandese Cas Mudde. Leggi

I populisti non vanno sopravvalutati

Mentre il 2016 è stato l’anno in cui i populisti erano ancora una sorpresa, il 2017 doveva essere quello del loro trionfo. Ma le cose non sono andate così. Leggi

Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.