Il 29 marzo il ministero dell’istruzione ha reso noti i risultati della revisione annuale dei manuali scolastici: in dodici testi per le superiori sono stati trovati 14 passaggi non in linea con le indicazioni del governo, scrive l’Asahi Shimbun. Tra loro, dei riferimenti al fatto che tutti i lavoratori coreani che si trovavano in Giappone durante la guerra erano schiavi. Secondo un alto funzionario del ministero, in quel periodo i coreani arrivavano nell’arcipelago per vie diverse. Gli editori hanno quindi corretto i passaggi o aggiunto note esplicative.

Questo articolo è uscito sul numero 1454 di Internazionale, a pagina 28. Compra questo numero | Abbonati