Le porte sono aperte,

entrate pure,

qui è per voi.

Si vedranno

i vostri strani sorrisi.

Restate pure

ai margini della vita,

ci starete bene,

dimentichi di tutti.

In questo posto

non vi faranno domande.

I deserti e le vie,

gli appartamenti distrutti

e le panchine rotte –

i templi del mondo,

sono poveri

senza di voi –

qui siete soli

e le porte sono aperte.

Aleksandăr Bajtošev

è un poeta, artista e illustratore bulgaro nato nel 1983. Ha pubblicato quattro raccolte e i suoi versi sono stati tradotti in inglese e in tedesco. Questo testo è tratto dalla sua seconda raccolta, Kučeta (Žanet 45 2014). Traduzione dal bulgaro di Alessandra Bertuccelli.

Questo articolo è uscito sul numero 1463 di Internazionale, a pagina 104. Compra questo numero | Abbonati