insaziabili lune

lo seguono fino a casa

sia di giorno che di notte

strisciano sui tetti

mendicando un boccone

estate-inverno-autunno-e-primavera

il cibo preferito

pizza ai licheni artici

e gelato alla panna

sono quello che mangiano.

Sjón

è uno scrittore, pittore, musicista e film maker islandese nato nel 1962. In Italia sono usciti i suoi romanzi La volpe azzurra. Skugga-Baldur: una leggenda islandese (Mondadori 2006) e Mánasteinn. Il ragazzo che non è mai stato (Federico Tozzi Editore in Saluzzo 2019). Questa poesia è tratta dalla raccolta myrkar fígúrur (Mál og menning 1998). Traduzione dall’islandese di Dario Borso.

Questo articolo è uscito sul numero 1464 di Internazionale, a pagina 100. Compra questo numero | Abbonati