La domesticazione del pollo, l’animale da allevamento più diffuso al mondo, sarebbe avvenuta tra il 1650 e il 1250 aC nel centro della Thailandia. Lo studio, pubblicato su Pnas, ha analizzato reperti trovati in più di seicento siti in 89 paesi. Secondo i ricercatori, l’originaria specie delle foreste sarebbe stata attratta dai depositi di riso e miglio degli agricoltori preistorici. Gli allevamenti si sarebbero poi diffusi in India e in Cina e, nell’800 aC, in Europa meridionale e in Etiopia.

Questo articolo è uscito sul numero 1464 di Internazionale, a pagina 109. Compra questo numero | Abbonati